blank

Noi tutti certamente ricordiamo gli SMS, i famosi messaggi di testo con un massimo di 165 caratteri per messaggio che per anni ci hanno permesso di scambiare novità con le nostre conoscenze e poi soppiantati dalle nuove piattaforme di messaggistica online.

A quanto pare Google ha deciso di ridare vita a queste reliquie del passato introducendo la versione 2.0, un miglioramento dei vecchi messaggi di testo fruibile attraverso l’app scaricabile dal Play Store Google Message e gestito dai nostri provider telefonici, vediamo insieme le loro caratteristiche e come controllare se il nostro fornitore telefonico li supporta.

Google Message, caratteristiche e come installarlo

La nuova app di messaggistica rilasciata da Google presenta tutte le funzionalità appetibili dagli utenti, le quali le consentono di competere anche con WhatsApp e Telegram, le due piattaforme che negli ultimi anni hanno istituito un egemonia vera e propria, vediamole insieme:

  • Possibilità di inviare contenuti multimediali come: foto, video, emoji, adesivi e note vocali.
  • È possibile condividere posizioni geografiche anche in tempo reale.
  • Quando un utente leggerà un vostro messaggio riceverete una notifica di conferma lettura, ovviamente anche a parti invertite.
  • Potrete cercare ogni contenuto inviato all’interno della chat.
  • Si potranno creare anche chat di gruppo.

Per quanto riguarda invece la verifica del supporto da parte del vostro provider e l’attivazione, dovrete innanzitutto scaricare l’app dal Play Store, una volta installata, apritela e cliccate in alto a destra su tre puntini bianchi.

Nel menù a tendina che si aprirà fate tap sulla voce impostazioni la quale, vi restituirà un nuovo menù in cui dovrete cliccare su “Funzionalità chat“.

Se una volta cliccato vi apparirà la dicitura “Funzionalità di chat non disponibili per questo dispositivo” vorrà dire che il vostro provider ancora non offre questa funzionalità a quindi dovrete aspettare, altrimenti potrete iniziare da subito ad usare gli SMS 2.0 di Google.

Gli operatori hanno fatto sapere che per fruire del servizio saranno necessari comunque o una rete dati o il WiFi.