Facebook: l’uso del social aumenta durante la pandemia di Coronavirus

Facebook sta vedendo un aumento dell'uso del social network e contemporaneamente delle sue entrate. Zuckerberg dice di voler "continuare ad investire" nonostante la pandemia

facebook

La pandemia di Coronavirus è stata finora “buona” per l’incremento di utenti di Facebook. Non si può dire lo stesso per la sua attività pubblicitaria

Ha riferito Facebook, che la società ha visto un’impennata della crescita degli utenti, con una media di oltre 1,73 miliardi di utenti attivi giornalieri (DAU) a marzo, nei suoi primi guadagni trimestrali per il 2020. È aumentato rispetto ai 1,66 miliardi nel trimestre precedente. Attraverso la sua “famiglia di app”, che comprende Facebook, Instagram, Messenger e WhatsApp, gli utenti attivi giornalieri sono saliti a 2,36 miliardi, mentre gli attivi mensili hanno toccato i 3 miliardi per la prima volta.

Allo stesso tempo, la società ha avvertito di “una riduzione significativa della domanda pubblicitaria” in una dichiarazione che ha fatto eco a osservazioni simili di Google il giorno prima. 

 

Facebook: nonostante il COVID-19, Zuckerberg vuole continuare ad investire

La nostra attività è stata influenzata dalla pandemia di COVID-19 e, come tutte le aziende, stiamo affrontando un periodo di incertezza senza precedenti nelle nostre prospettive di business“, ha scritto la società in una nota. “Ci aspettiamo che le nostre prestazioni di business siano influenzate da problemi al di fuori del nostro controllo, compresa l’efficacia degli stimoli economici di tutto il mondo e le fluttuazioni delle valute rispetto al dollaro americano“.

Ma anche con l’impatto negativo causato dal COVID-19, le entrate di Facebook sono ancora aumentate del 18% rispetto allo stesso trimestre dell’anno scorso, con ricavi in ​​crescita a 17,7 miliardi di dollari

Durante una telefonata con gli investitori, Mark Zuckerberg ha chiarito che Facebook non ha intenzione di recuperare l’importo che sta investendo nella sua piattaforma, nonostante il rallentamento della crescita dei ricavi. “Invece di sbattere i freni ora, come molte aziende fanno, è importante continuare a costruire e continuare a investire“, ha detto.