sim vodafone

Anche in questi primi giorni di aprile risulta esserci molto fermento nelle pagine social di Vodafone. Se si scorgono i commenti degli utenti, ora Facebook ora su Twitter, si evince il disappunto generale di alcuni utenti contro la compagnia telefonica inglese. 

 

Vodafone e le schede SIM: tutti rischiano il pagamento di un extra

Il motivo scatenante delle proteste social di un buon numero di abbonato o ex abbonati Vodafone è la ricezione di un conto da saldare. Il provider, infatti, ha inviato ad alcune migliaia di persone delle richieste di pagamento che vanno da un 5 euro sino a decine di euro.

Le richieste di pagamento hanno una natura ben precisa. Non molti sanno che di recente Vodafone ha optato per una rimodulazione dei costi legata alle schede SIM. Sulla base di questa rimodulazione, tutti gli abbonati che hanno attiva una SIM senza la presenza di una una ricaricabile standard sono chiamati ad una spesa fissa di 5 euro al mese.

Questa modifica tariffaria ha creato una situazione del tutto nuova per gli abbonati o gli ex abbonati. Se prima era possibile lasciare l’operatore semplicemente non utilizzando più la SIM, oggi si reputa necessaria una disdetta della rete. In caso contrario, infatti, è previsto ogni mese il pagamento di 5 euro, pagamento che potrebbe essere accumulato poi a debito. 

Per effettuare una disdetta, i clienti devono rivolgersi al call center al numero 190. I tecnici elaboreranno la richiesta dell’abbonato e chiuderanno definitivamente la rete nel giro di poche ore. Solo così si possono evitare brutte sorprese.