Rc autoNell’ambito assicurativo ci sono alcuni cambiamenti dovuti all’emergenza sanitaria che tutta l’Italia sta vivendo a causa del Coronavirus perché i classici quindici giorni di validità di RC auto sono aumentati. Il nuovo decreto introdotto dal Governo cerca di andare incontro all’esigenze dei consumatori per far fronte anche al livello economico.

Rc auto: il periodo di validità ha subito dei cambiamenti per via dell’emergenza sanitaria attuale

Tutti i consumatori con un’assicurazione auto attiva dopo la scadenza della stessa assicurazione possono circolare per quindici giorni, ma con il decreto Cura Italia recentemente introdotto le cose cambiano.

Il Governo ha deciso di aumentare i giorni di validità da quindici giorni ai trenta giorni e tale decreto ha validità fino al trentuno Luglio salvo eventuali proroghe, come riporta il famoso sito web online Tgcom24.
Il decreto si riferisce alla copertura obbligatoria di responsabilità civile e, dunque, non sono compresi le coperture accessorie come ad esempio quelle per furti e incendi, oppure per assistenza legali, infortuni al conducente e via dicendo.

Come comunicato da Facile.it, i consumatori possono sostenere i costi dell’assicurazione entro i trenta giorni di validità per Rc auto o Rc moto con la stessa compagnia, ma in questo caso il contratto è riconosciuto a partire dalla scadenza della polizza assicurativa originaria.

Le cose sono diverse nel momento in cui, il consumatore, decide di cambiare compagnia assicurativa perché può sfruttare i trenta giorni di validità dopo la scadenza del contratto precedente e stipulare un nuovo contratto con decorrenza il giorno del pagamento del nuovo premio annuale.