IPTV: centinaia di utenti beccati, sequestri con reclusione e multa

Certamente il mondo IPTV rappresenta una valida alternativa se si pensa il tutto non dal punto di vista legale. Proprio di legale infatti in questo mondo non c’è nulla, dato che si tratta di una nuova ed ulteriore declinazione della pirateria più pura. Sono tantissimi gli utenti che si servono di questo metodo per vedere partite di ogni sport, film di ogni genere e contenuti on demand praticamente quasi gratis.

L’IPTV è infatti una grande risulta per tutti coloro che hanno scelto di abbandonare il mondo della pay TV, quella legale. In molti però sono stati beccati proprio ultimamente, e potrebbero rischiare veramente grosso.

Per avere le migliori offerte di Amazon, ecco il nostro canale Telegram ufficiale. Clicca qui per entrare.

 

IPTV: tanti utenti beccati in flagrante adesso rischiano la reclusione, una multa salatissima e il sequestro del materiale

Molti utenti italiani sono stati beccati, e ora rischiano oltre alla reclusione e multa pesante anche il sequestro degli apparati utilizzati per la visione. Potrebbero dunque essere sottratti agli imputati smartphone, computer e decoder. Luigi De Siervo, ad della Lega Serie A si è espresso in merito alla questione:

“Per fortuna viviamo in un paese civile, in cui chi sbaglia paga. Complimenti alla Guardia di Finanza e all’Autorità giudiziaria per il grande risultato conseguito con questa operazione – ha dichiarato De Siervo -. Da mesi La Lega Serie A ha dichiarato guerra alla pirateria perché è un fenomeno criminale alimentato spesso da utenti inconsapevoli del reato che stanno commettendo e delle gravi conseguenze cui vanno incontro. Oggi, per la prima volta, sono stati denunciati oltre duecento consumatori finali, questo fatto rappresenta una svolta epocale nella lotta contro questa piaga, a tutela di tutti i club e dei tifosi che onestamente si abbonano per seguire le partite del nostro campionato”