La CST-100 Starliner di Boeing ha completato il primo atterraggio terrestre di una capsula classificata dall’uomo nella storia degli Stati Uniti.

Certo, il veicolo spaziale non ha raggiunto l’orbita o l’attracco previsti per la Stazione Spaziale Internazionale (ISS) come previsto.

Ma ha completato una serie di obiettivi di test per la NASA, incluso il lancio del primo razzo Atlas V della United Launch Alliance (ULA).

Previsto per il decollo entro l’inizio del 2018, il volo di prova è stato inizialmente rinviato ad agosto 2019, quindi riprogrammato per il 17 dicembre. Alla fine ha lasciato la Terra la mattina del 20 dicembre.

 

NASA: lo scopo del decollo di CST-100 Starliner

Lo studio aveva lo scopo di fornire dati preziosi sulle prestazioni end-to-end del razzo Atlas V, dei veicoli spaziali Starliner e dei sistemi di grouse, nonché delle operazioni di attracco e atterraggio in orbita.

E mentre tutto non è andato secondo i piani, Boeing è stato in grado di valutare vari sistemi, tra cui propulsione, comunicazione, navigazione, attracco, controllo ambientale e supporto vitale.

Questo è il motivo per cui eseguiamo questi test, per imparare e migliorare i nostri sistemi“, ha dichiarato l’amministratore della NASA Jim Bridenstine in una nota. “Le informazioni acquisite da questa missione di Starliner saranno fondamentali nei nostri sforzi per rafforzare il programma di equipaggio commerciale della NASA e restituire la capacità di volo spaziale umano in America“.

Forse il suo trionfo più grande, tuttavia, stava tornando a New Sands Space Harbor nel New Mexico domenica.

Questa missione, sebbene vista da alcuni come un “fallimento”, ha “solo rafforzato la risoluzione” di tutte le parti coinvolte, secondo l’amministratore delegato della NASA Jim Morhard.

I sistemi sono stati testati, ma soprattutto i team sono stati testati“, ha spiegato. “Le parti più difficili di questa missione sono state un enorme successo“.