L’Orbiter della ricognizione lunare della NASA ha scoperto il luogo dell’incidente del lander Chandrayaan-2 Vikram Moon.

Con l’aiuto di Shanmuga Subramanian, un ingegnere di 33 anni di Chennai.

Armato con un computer portatile e una connessione Internet (e molto tempo libero), Subramanian ha lavorato fino a sette ore al giorno per localizzare il lander.

Vikram ha tentato di atterrare sulla superficie della luna – a circa 370 miglia dal polo sud lunare – all’inizio di settembre.

Ma le cose sono peggiorate quando l’Indian Space Research Organization (ISRO) ha perso il contatto con il veicolo poco prima dell’arrivo.

Nonostante la perdita, avvicinarsi così tanto alla superficie è stato un risultato sorprendente“, ha dichiarato la NASA in un comunicato stampa.

 

NASA: l’identificazione di Vikram fatta da Subramanian

Il team Lunar Reconnaissance Orbiter Camera dell’amministrazione spaziale statunitense ha lavorato con ISRO per cercare i segni di Vikram: LROC ha rilasciato un mosaico del sito, incoraggiando il pubblico a dare un’occhiata.

Subramanian è stato il primo a individuare con successo il sito, twittando il 3 ottobre: ​​”È questo lander Vikram?

Più di un mese dopo, dopo la pubblicazione di altre due sequenze di immagini LROC, lo sviluppatore di app e il blogger hanno nuovamente offerto il possibile sito di crash di Vikram.

Dopo aver ricevuto il consiglio di Subramanian, il team di LROC ha confermato la sua identificazione confrontando le immagini prima e dopo.

I detriti individuati per la prima volta da Shanmuga si trovano a circa 2.460 piedi a nord-ovest del luogo principale dell’incidente.

Se Vikram avesse inchiodato il suo morbido atterraggio, avrebbe schierato il rover Pragyan con intelligenza artificiale, destinato a raccogliere campioni chimici e minerali dalla superficie lunare.

Quando il lander si è schiantato e la comunicazione è stata quindi persa.