Honor, Magic UI 3.0, EMUI 10, Huawei, Android 10

L’arrivo dii una nuova versione di Android sui terminali dei vari produttori è sempre un momento importante. Dal rilascio di Android 10, tutti i vari OEM hanno avviato i programmi di beta test per portare il più velocemente possibile il sistema del robottino sui propri smartphone.

Tra i brand più attivi bisogna certamente citare Huawei, che in questi mesi è riuscita ad aggiornare oltre 1 milione di terminali. Si tratta di una cifra notevole che conferma l’impegno del produttore per cercare di offrire sempre l’ultima versione di Android ai propri utenti.

Il presidente della divisione Consumer di Huawei, Wang Chenglu, ha confermato direttamente la notizia. Il primo assaggio della EMUI 10 è arrivato addirittura ad agosto con il rilascio di molte informazioni e dettagli sull’interfaccia proprietaria. A partire da settembre invece Huawei ha iniziato ad aggiornare i terminali della famiglia P30.

Ad oggi gli smartphone coinvolti sono tutti gli ultimi modelli lanciati dal brand. Nel corso dei prossimi mesi invece verranno aggiornati i top di gamma delle scorse generazioni. Nel frattempo Huawei avrà il tempo per decidere di includere nell’update anche i terminali più datati.

Di seguito riportiamo un elenco dei device già aggiornati o che riceveranno l’update alla EMUI 10 nel corso delle prossime settimane:

  • P30, P30 Pro e P30 Lite
  • Mate 20, Mate 20 Pro e Mate 20 Lite
  • Mate 10, Mate 10 Pro
  • P20 e P20 Pro
  • Mate 20 X e Mate 20 X 5G
  • Nova 4 e Nova 4e
  • Nova 5T
  • P Smart 2019
  • P Smart+ 2019
  • MediaPad M6 da 8.4″ e 10.8″

Per quanto riguarda gli Honor invece, i device aggiornati saranno

  • 20 e 20 Pro
  • 9X
  • 8X
  • 10 Lite
  • 20i

Tra i device aggiornati alla EMUI 10, si considerano anche alcuni smartphone realizzati da Honor. L’azienda è una controllata Huawei e in passato ha utilizzato la EMUI, ma adesso è in corso un piccolo cambiamento che ha portato all’adozione della Magic UI 3.0. Nonostante il nome diverso, l’interfaccia resta invariata.