death stranding

In una recente intervista con PlayStation Access, Hideo Kojima ha discusso delle reazioni contrastanti al suo recente progetto Death Stranding. Il gioco è stato rilasciato l’8 novembre, dopo quasi quattro anni di sviluppo. È il primo gioco rilasciato da Kojima e dal suo studio di sviluppo Kojima Productions dalla sua partenza da Konami.

Death Stranding ha ricevuto recensioni contrastanti da parte della critica. Nonostante abbia ottenuto diversi punteggi perfetti da una varietà di fonti (incluso lo stesso Screen Rant), il gioco ha attualmente una revisione aggregata di 83/100 su Metacritic. Chiaramente, tutti hanno qualcosa da dire su Death Stranding, ma non tutti hanno qualcosa di buono da dire al riguardo. Ad oggi è chiaramente uno dei progetti più divisivi di Kojima.

 

Un Kojima che nuota controcorrente

In una recente intervista con PlayStation Access (tramite VideoGamesChronicle), Kojima ha sottolineato i suoi sentimenti nei confronti delle persone che effettivamente giocano a Death Stranding. Dice che si aspetta un mix di reazioni positive e negative perché questa è una risposta tipica, nelle sue parole, a “qualcosa di nuovo”. Continua, “Se le persone si trovano di fronte a qualcosa che non hanno mai sperimentato prima, può essere una sfida”. Kojima confronta l’esperienza con la prima volta che ha creato un gioco stealth e nota che spera che la positività che ha voluto imprimere nel gioco si diffonda insieme al supporto dei suoi fan.
Quando gli è stato chiesto di commentare le precedenti dichiarazioni dello sviluppatore su Death Stranding appartenenti a un genere completamente nuovo di videogioco, Kojima ha chiarito che non aveva intenzione di creare un nuovo genere. Afferma che il genere di un gioco è “qualcosa che gli altri voglio etichettare”. Ciò che era più importante per lui era allontanarsi dalle sue percezioni sui giochi tradizionali.