Adobe, Twitter e The New York Times Company hanno annunciato un nuovo sistema per l’aggiunta di attribuzione a foto e altri contenuti. Uno strumento registra chi ha creato un contenuto e se è stato modificato da qualcun altro, quindi consente ad altre persone e piattaforme di controllare tali dati. Adobe ha mostrato oggi un prototipo in Photoshop, ma molti dettagli sono ancora in evoluzione e non esiste una data di rilascio.

L’intero progetto si chiama Content Authenticity Initiative e i suoi partecipanti terranno un vertice sul sistema nei prossimi mesi. Sulla base di quanto annunciato da Adobe, lo strumento di attribuzione è un pezzo di metadati che può essere allegato a un file. Adobe non descrive con precisione in che modo proteggerà il tag o impedirà a qualcuno di copiare il contenuto in modo da eliminarlo. L’amministratore delegato del prodotto Adobe Scott Belsky ha dichiarato che alcuni dettagli tecnici verranno elaborati al vertice.

 

Adobe e Twitter: i dati tecnici sono ancora in flusso

Adobe ha descritto questo sistema come un modo per verificare l ‘”autenticità” online. E il responsabile della ricerca e sviluppo della New York Times Company, Marc Lavallee, ha suggerito che potrebbe combattere la disinformazione aiutando le persone a discernere le “notizie attendibili” sulle piattaforme dei media digitali.

Ma gli usi più ovvi includono l’identificazione della fonte di una foto e la garanzia che gli artisti ottengano credito per il loro lavoro. Molte foto e webcomic circolano in modo anonimo su piattaforme come Twitter e un tag di attribuzione aiuterebbe a rintracciare quelle immagini al loro creatore. Ciò dipende interamente dal funzionamento del sistema CAI. I tag non sarebbero molto utili se potessero essere facilmente modificati o rimossi, ma se il sistema preserva la sicurezza controllando strettamente il modo in cui le persone possono interagire con l’immagine, potrebbe avere gli stessi aspetti negativi di altri sistemi di gestione dei diritti digitali o DRM.

I tre membri fondatori del CAI vogliono anche che più aziende supportino il progetto poiché il suo valore dipende in gran parte da quante persone vi acquistano. “Riteniamo che molti creatori saranno felici di fornire queste informazioni. E nel tempo, i consumatori si aspetteranno che il contenuto arrivi con l’attribuzione“, ha affermato Belsky.