qv89

QV89 è uno degli asteroidi più famosi dei nostri giorni, tanto da essere stato inserito dalla NASA nella mappa degli asteroidi più pericolosi per la Terra. Il suo diametro è decisamente modesto rispetto al temuto Apophis, si parla infatti di soli 40 metri. Secondo gli esperti che lo osservano ormai da qualche anni non dovrebbero esserci conseguenze catastrofiche legate al suo passaggio. Si stanno ugualmente studiando soluzioni per scongiurare ogni possibile episodio.

La storia ci insegna che moltissimi asteroidi sono arrivati vicini alla Terra, ma altrettanto spesso non sono riusciti a raggiungere la superficie terrestre. Nel passaggio nell’atmosfera infatti molti di questi si frantumano, disperdendosi. Anche se come anticipato il rischio è basso, gli scienziati sarebbero preoccupati per un eventuale cambio di traiettoria causato dai campi gravitazionali.

QV89: l’asteroide non dovrebbe essere pericolo per la Terra

Pur essendo stato inserito nella lista della NASA delle minacce pericolose per il nostro pianeta, QV89 non dovrebbe costituire un rischio. Tuttavia rimane comunque tra le prime posizioni nella scala di rischio, insieme ai cugini Apophis e Bennu. Per scongiurare ogni eventuale rischio, l’agenzia spaziale ha creato una mappa dettagliata degli asteroidi in transito con le relative informazioni.

Leggi anche:  QV89: cresce la preoccupazione per l'impatto con la Terra

QV89 è nel mirino di ESA, impegnata nei difficili calcoli della sua traiettoria e nell’analisi del rischio impatto. Il meteorite dovrebbe passare vicino alla Terra tra soli 3 mesi, il 9 settembre 2019. Come vi abbiamo precedentemente spiegato il rischio di un impatto è molto basso e pari ad una possibilità su 7000. Nonostante questo la distanza stimata di passaggio sarebbe elevatissima, superiore addirittura a 6,7 milioni di chilometri.

Questo ovviamente fa ben sperare su quello che sia il futuro del nostro pianeta, sempre più spesso minacciato da corpi extraterrestri provenienti dallo spazio.