Al fine di garantire il miglior servizio di sempre, il team di Google Chrome lavora costantemente a nuove funzionalità da integrare nel noto servizio di Browser Web.

Già qualche giorno fa vi abbiamo parlato di alcune opzioni di recente implementate nella versione Beta di Google Chrome, e pertanto ancora in fase di test. Tra queste, una funzione che velocizza i tempi di caricamento di pagine e siti particolarmente appesantiti per la presenza di immagini, video o una qualsiasi altra tipologia di contenuto multimediale, quando, ad esempio, si è fuori casa e non si dispone di una rete stabile e veloce.

La versione 76 di Google Chrome presenta anche ulteriori novità, la correzione del fastidioso bug per cui l’implementazione delle API FileSystem consentivano alle pagine Web di rilevare se l’utente stava navigando in modalità incognito e la possibilità di abilitare automaticamente la Dark Mode quando si naviga in siti che supportano tale modalità.

Leggi anche:  Huawei Italia: ecco le risposte alle domande degli utenti

L’ultima versione del Browser Web targato Google aggiunge anche il blocco di Adobe Flash come impostazione predefinita: sappiamo, infatti, che a partire dal prossimo anno, Adobe Flash non sarà più distribuito tanto meno sarà aggiornato.

Google Chrome per Android permette di ordinare i segnalibri

Una ulteriore novità che riguarda però la sola utenza Android è stata scoperta da xda-developers scavando a fondo tra i flag delle versioni beta di Google Chrome.

La nuova funzione dovrebbe permettere di modificare l’ordine dei segnalibri da un qualsiasi dispositivo Android, consentendo dunque di ordinare i segnalibri secondo le proprie preferenze. Funzionalità già da tempo disponibile nella versione Desktop di Google Chrome, e piuttosto utile per chi tende a memorizzare diverse pagine web e non ha (finora) avuto modo di ordinarle, per esempio, secondo un criterio di importanza o di frequenza di consultazione.