Grazie alle numerose funzionalità supportate, alla velocità, alla sicurezza, alla sua semplicità d’uso, nonché alla possibilità di arricchire il servizio con particolari estensioni che soddisfano il desiderio di personalizzazione dell’utente, Google Chrome è ad oggi uno dei browser più usati al mondo.

Per garantire ai milioni di utenti che ogni giorno scelgono di affidare al browser di Google le proprie ricerche, il team di Mountain View sottopone il servizio a continui aggiornamenti, introducendo migliorie e nuove opzioni.

Proprio qualche giorno fa, gli sviluppatori hanno rilasciato una nuova versione di Google Chrome Beta che, tra le novità introdotte, ha incluso una soluzione che permetta agli utenti di caricare molto più velocemente siti che possono risultare particolarmente appesantiti per la quantità di contenuto multimediale qui presente, quando non si dispone di una rete veloce.

Google Chrome si aggiorna, ecco tutte le novità in arrivo

Insomma, si tratta di una funzionalità molto utile soprattutto se si naviga in rete mentre si è fuori casa e non si può godere di una connessione stabile, dal momento in cui il segnale della propria rete tende a variare continuamente.

Leggi anche:  Huawei Mate 30 verrà annunciato il 19 settembre, cosa sappiamo finora

Tuttavia è questa non è l’unica novità introdotta con l’ultima versione Beta di Google Chrome (e che nelle prossime settimane verrà rilasciata anche per la versione stabile del browser di Google).

Una delle ultime novità introdotte riguarda la possibilità concessa ai siti web di abilitare automaticamente la Dark Mode. E’ stato poi corretto il bug per cui l’implementazione delle API FileSystem  consentivano ai siti web di rilevare se l’utente stava utilizzando il Browser in modalità incognito.

Nella versione 76 di Chrome Beta è stato anche introdotto il blocco di Adobe Flash per impostazione predefinita: a partire dal prossimo anno, infatti, Adobe Flash non sarà più distribuito né riceverà aggiornamenti. Inoltre, è stata implementata una nuova scorciatoia per l’installazione delle progressive web app.