La piattaforma d’arte online di Google, denominata Google Arts & Culture, ha ora lanciato una nuova esperienza interattiva, con il supporto dell’Intelligenza Artificiale, chiamata POEMPORTRAITS. Il progetto è in collaborazione con lo scrittore Ross Goodwin e il noto artista e scenografo Es Devlin.

Tale progetto inizialmente creato l’anno scorso sotto forma di un pezzo d’arte fisica interattivo a Londra, unisce l’intelligenza artificiale e la poesia per creare i versi di un poema generato dal computer sulla base dei volti dei partecipanti. Dunque, il fulcro dell’opera finale è la parola proposta dall’utente. Ciò significa che i brani derivano dall’input di chiunque voglia partecipare. Ognuno di questi è basato sull’uso del linguaggio che era comune nel 19 ° secolo, con l’IA addestrato su oltre 20 milioni di esempi del periodo.

Come partecipare

Essere coinvolti nel progetto è facile. Dopo aver navigato sul sito web di POEMPORTRAITS, i partecipanti sono accolti da una breve descrizione del progetto e da un pulsante per iniziare. Cliccando si aprono le varie poesie a scorrimento generate dall’IA. Ai visitatori della pagina viene richiesto di inserire una singola parola che contribuirà ai versi creati algoritmicamente per la poesia finale. Verranno generate due righe da ogni parola. Successivamente, ai partecipanti viene chiesto di concedere o negare il permesso al sito di accedere alla propria fotocamera. Non è obbligatorio concedere il permesso, ma coloro che acconsentono vedranno poi la loro parte della poesia ripetersi sopra il loro stesso volto. Si può eseguire l’intera procedura più volte per creare più versi.

Leggi anche:  NVIDIA RTX: ray tracing e intelligenza artificiale per le migliori app

L’iniziativa promuove nuove tendenze o solo frasi vaganti?

Sebbene l’esperimento sia descritto sommariamente da Google Arts & Culture come “un’opera d’arte interattiva che combina poesia, design e intelligenza artificiale”, potrebbe essere un po’ più profondo di quel che sembra. Infatti, utilizza i più recenti algoritmi di intelligenza artificiale e consentendo agli utenti di inserire qualsiasi parola sia nella loro mente.

Una nuova concezione di fare poesia con Poemportraits

I POEMPORTRAITS potrebbero effettivamente creare delle tendenze culturali. L’IA è senza dubbio infusa sia dei pregiudizi sia dalle prospettive dei tempi moderni. Può anche darsi che l’IA di POEMPORTRAITS dica di più sulla società attuale di quanto ci si aspetta. Tuttavia, alcune frasi appaiono sconnesse. Quindi, nonostante i progressi compiuti con l’intelligenza artificiale sui fronti di narrazione e scrittura, la tecnologia non sostituirà gli scrittori almeno per ora.