WhatsApp: nuovo incredibile trucco per spiare gli utenti, è legale e gratuito

WhatsApp nel corso degli anni passati è stata spesso e volentieri al centro di numerose bufere riguardanti la privacy e la sicurezza degli utenti. Molte conversazioni della piattaforma di messaggistica sono state condivise con il grande pubblico, senza il volere dei legittimi proprietari a causa di attacchi hacker, crash dei server e tanto altro.

Per fortuna, negli ultimi mesi, anche grazie alla famosa crittografia end-to-end, i tentativi di spionaggio via server sono drasticamente calati. Rubare le chat altrui, poi, nell’immediato diventerà ancor più difficile grazie al nuovo strumento di riconoscimento attraverso l’impronta digitale. I diversi upgrade, però, non rappresentano una garanzia univoca. Sulla piattaforma è ancora in essere un’anomalia assai particolare.

 

WhatsApp, leggere sempre le chat degli amici con la piattaforma Desktop

Leggere le conversazioni degli amici è sempre possibile grazie a WhatsApp Web. Per spiare in tempo reale ciò che dice un nostro compagno o una nostra compagna in privato è necessario avere per pochi secondi il possesso dello smartphone altrui per poi associare il profilo mobile dell’interessato ad un nostro device fisso. Sulla chat mancano totalmente le misure di prevenzione per la configurazione desktop. 

Leggi anche:  WhatsApp: truffa di Pasquetta, utenti TIM, Vodafone e Iliad derubati

Il servizio non chiede né una password, né tantomeno una forma di riconoscimento (ad esempio, un OTP) per l’associazione di profilo mobile/desktop. Una tale anomalia ha messo in difficoltà migliaia di utenti: da mesi si alzano voci di proteste contro gli sviluppatori per un rapido intervento di risoluzione.