Vodafone e TIM hanno di recente comunicato una nuova serie di rimodulazioni che renderanno poco felici i clienti tanto di linea mobile quanto di linea fissa.

Gli aumenti entreranno in vigore tra il mese di Aprile e quello di Luglio, pertanto gli utenti interessati, trattandosi di una modifica unilaterale del contratto, hanno ancora un po’ di tempo a disposizione per poter eventualmente recedere dal contratto e passare ad un altro operatore telefonico, attivando dunque un’offerta più conveniente dal punto di vista qualità-prezzo.

Scopriamo tutto nel dettaglio.

Rimodulazioni Vodafone e TIM: tutti gli aumenti previsti tra il mese di Aprile e quello di Luglio

Iniziamo con TIM. L’operatore ha infatti di recente comunicato che, a partire dal prossimo 15 Aprile, tutti i clienti di linea mobile che effettueranno traffico telefonico – chiamando, inviando SMS o navigando in Rete – nei due giorni successivi all’esaurimento del credito residuo, dovranno prevedere un aumenti di 1,80 euro (0,90 euro al giorno, per un massimo di due giorni) sul prossimo rinnovo dell’offerta attiva.

Leggi anche:  TIM chiude il mese di agosto con minuti, 50GB, attivazione e 1 rinnovo gratis

Nelle scorse settimane, però, sono entrati in vigore i nuovi aumenti che hanno interessato alcune offerte della gamma TIM Business, ma rimandiamo all’articolo dedicato per maggiori informazioni (clicca qui).

Passando a Vodafone, l’operatore rosso ha negli scorsi giorni comunicato una doppia rimodulazione. La prima entrerà in vigore il 7 Luglio ed interesserà le offerte Internet Unlimited, Internet Unlimited +, Internet & TV Sport, Vodafone One e Vodafone One Pro TV attivate tra il 25 Marzo ed il 30 Novembre 2018. Queste subiranno un aumento di 2,99 euro al mese.

I clienti coinvolti dagli aumenti potranno scegliere se recedere dal contratto o attivare l’offerta Extra 30 GIGA per usufruire di 30 GB di Internet aggiuntivi ogni mese.

La seconda, invece, entrerà in vigore il 14 Luglio ed interesserà la promozione Internet Abbonamento, per cui è previsto un aumento di ben 5 euro.