google-stadia

Durante la conferenza tenuta alla Game Developers Conference (GDC) 2019, Google infiammato il pubblico e dato una svolta sostanziale al mondo videoludico. Il colosso di Mountain View ha presentato ufficialmente Stadia. Si tratta di un servizio di streaming dei videogiochi che ha fatto parlare di se con il nome in codice Project Stream.

La particolarità della piattaforma è la facilità di accesso. Non c’è bisogno di una console di riferimento, ma l’utente potrà accedere da qualsiasi dispositivo abbia tra le mani, quindi PC, notebook, smartphone e tablet.

Grazie al supporto nativo ai motori grafici Unreal e Unity, sarà possibile giocare a titoli tripla A senza possederli fisicamente. La velocità di connessione allo streaming del gioco si baserà sulla banda larga dei data center di Google a prescindere da quella della propria linea domestica.

Questo si traduce nella possibilità di giocare ad una risoluzione 4k e ai massimi dettagli grafici disponibili senza lag o problemi. Se si riesce a guardare un video su YouTube, allora si potrà giocare in streaming con la stessa facilità.

Leggi anche:  Google Maps: nuovo aggiornamento e nuova versione, ecco le novità

L’integrazione con la piattaforma video è anche più profonda. Se si sta guardando un video gameplay di un determinato titolo, Stadia permetterà di lanciarlo e passare direttamente all’azione. Il vantaggio dello streaming dei giochi è quello di non doverli scaricare sul proprio dispositivo. Essendo tutto online, si può iniziare un partita su PC e continuarla su smartphone riprendendo dallo stesso punto in cui ci si è interrotti.

Al momento non si conoscono i prezzi per l’abbonamento a Stadia, il parco titoli disponibile ne tanto meno i mercati per il lancio iniziale. Le partnership con publisher del calibro di Ubisoft, Epic Games e Crytek fanno ben sperare. Non resta che attendere le nuove informazioni in merito che certamente Google comunicherà a breve.