apple-iphone-batterie

Le batterie degli smartphone sono un elemento tanto importante e pericoloso quanto spesso sottovalutato. Il pezzo può essere le causa del rallentamento del dispositivo, anche a livelli pesanti, e l’abbiamo tutti visto l’anno scorso con il caso Apple. Giusto per ricordare, la compagnia aveva messo di star rallentando i vecchi modelli e la spiegazione è stata che le batterie non avrebbero retto; oltre a questo motivo si può leggere quello più nascosto di spingere il consumatore a cambiare modello.

Questa scoperta ha iniziato un cambiamento di massa delle batterie sui modelli più vecchi e nonostante i pesanti sconti applicati da Apple molti hanno preferito recarsi da rivenditori e riparatori non autorizzati. A volte lo si fa semplicemente per una sorta di vendetta mentre spesso, soprattutto al di fuori degli Stati Uniti, ricorre ad un negozio non ufficiale è l’unico modo per avere una riparazione in tempi ristretti. Questo comportamento sta ferendo i guadagni del produttore.

Leggi anche:  Apple Watch ha salvato una vita: rilevata un'anomalia del battito del cuore

Cambio di batterie non cambio di iPhone

Lo scandalo che aveva causato questo rallentamento volontario da parte di Apple della batterie non è tanto da imputare proprio a tale fatto, ma a quello che non è stato detto fin da subito. La sostituzione della batteria è stata nella maggior parte dei casi efficace nel riportare le prestazioni degli iPhone a livelli accettabili.

Quando questo non si conosceva, uno dei comportamenti più comuni era acquistare un nuovo iPhone; è una consuetudine anche adesso per certi versi. Il prezzo eccessivamente alto di una sostituzione di batterie spinge qualche cliente a fare comunque l’aggiornamento di modelli mentre le sostituzione a buon mercato dei rivenditori non ufficiali risultano essere un deterrente per l’aggiornamento e questo sta ferendo i guadagni del colosso statunitense, come detto sopra.