fossili
i

Uno scavo di oltre 255 milioni di fossili di anni fa suggerisce che in antichità esistevano tre principali gruppi di piante. Le piante con il tempo furono spazzate via attraverso un’estinzione di massa che fece morire oltre il 90% delle specie marine terrestri e circa il 70% dei vertebrati terrestri.

I fossili, descritti in Science il 21 dicembre, racchiudono in loro più di 5 miliioni di anni di storia. “Ma non sono solo 5 milioni di anni, sono quei 5 milioni di anni che si estendono lungo il confine tra il Permiano e il Triassico”, dice il coautore dello studio Benjamin Bomfleur, un paleobotanista dell’Università di Münster in Germania. Il reperto si aggiunge alla crescente lista di piante terrestri sopravvissute alla catastrofe conosciuta come Great Dying, la più grande estinzione di massa del mondo, avvenuta circa 252 milioni di anni fa alla fine del Permiano.

Bomfleur e i suoi colleghi hanno trovato i nuovi fossili negli affioramenti di rocce nel deserto vicino al Mar Morto in Giordania. I paleontologi hanno cercato quelle formazioni rocciose per decenni. “Ogni volta che andiamo, troviamo nuovi fossili”, infine conclude.

 

Il ritrovamento dei fossili

Al momento della formazione di questi fossili, l’area aveva un clima tropicale ma con periodi di siccità prolungati. Queste condizioni non sono buone per la formazione di fossili. Ma sorprendentemente, questi sono eccezionalmente ben conservati, dice Bomfleur. Lui ed i suoi colleghi sono stati in grado di lavare le rocce con un acido per poter estrarre le cuticole cerealicole all’interno. La cuticola conserva uno stampo di elementi microscopici sulle superfici di foglie o fronde e questi dettagli hanno aiutato gli scienziati a identificare le specie vegetali in modo più accurato.

Il team ha trovato fossili appartenenti alla famiglia Podocarpacae, un grande gruppo di piante coniche che ora vivono nell’emisfero australe. È la più antica testimonianza fossile di una famiglia di conifere che esiste ancora oggi.

E i fossili hanno mostrato che altri due principali lignaggi di piante da seme che sono ora estinti,  Bennettitales e Corystospermales, erano in circolazione durante il Permiano e riuscirono a sopravvivere alla morte. I Bennettitales sono particolarmente degni di nota perché producono strutture riproduttive simili a quelle dei fiori e potrebbero essere identificati come i loro antenati, che si sono manifestati per la prima volta circa 125 milioni di anni fa.

Oggi i tropici sono interessanti sopratutto per la biodiversità, e si pensa che anche per gli antichi tropici era lo stesso. Ma ci sono pochissime prove fossili, dice Fabiany Herrera, un paleobotanista al Chicago Botanic Garden. Basandosi su precedenti analisi genetiche, avrebbe senso che alcuni di questi antichi gruppi di piante tropicali fossero sopravvissuti all’estinzione di massa.