Huawei sta attualmente lavorando ad un nuovo assistente vocale AI per il rilascio al di fuori della sua regione d’origine. L’ha dichiarato il CEO di Huawei Consumer BG, Richard Yu, durante una recente intervista con CNBC.

Yu ha sottolineato che per il momento l’azienda continuerà a utilizzare Alexa e Google Assistant di Amazon, è solo perché il suo sistema con IA non è ancora pronto. Tra l’altro, sembra che la società potrà continuare a lavorare con gli aspiranti concorrenti a prescindere, anche quando la sua tecnologia con IA sarà lanciata. Per ora, il signor Richard Yu ha rifiutato di condividere ulteriori dettagli. Non si sa nulla sulla disponibilità in base alle zone, le lingue che potrebbero essere disponibili o il probabile nome.

Huawei ha deciso di provare a battere la concorrenza lanciando un assistente vocale dotato di Intelligenza Artificiale

Anche prima che queste ambizioni iniziassero a prendere forma pubblicamente, la compagnia ha ripetutamente sperimentato e rilasciato prodotti costruiti sulle basi dell’IA. All’evento IFA Berlin 2018 di quest’anno, ad esempio, l’azienda ha presentato il proprio smart speaker e router wireless – ironicamente ribattezzato AI Cube nonostante la sua forma cilindrica. Quel dispositivo utilizza Amazon Alexa dal momento che ha dominato il settore degli smartphone connessi da qualche tempo. Tuttavia, usa l’assistente vocale Xiaoyi dei telefoni Huawei venduti nella regione natale, in Cina. Inoltre, si basa sugli sforzi dell’IA per la prima volta presenti con il suo chipset abilitato, il Kirin 970. 

Leggi anche:  Huawei Enjoy 9 presentato ufficialmente in Cina: notch stondato e Snapdragon 450

Da una prospettiva esterna, gli investimenti di Huawei nell’IA sono sembrati principalmente concentrati sull’hardware. Certo, i dispositivi che utilizzano i chip HiSilicon Kirin 970 della società hanno anche presentato un sacco di software e algoritmi di base arricchiti con intelligenza artificiale. Ma non sono stati davvero al centro dell’attenzione. Infatti Huawei ha scelto di concentrarsi su quanto possa migliorare uno smartphone quando il carico di lavoro creato dall’intelligenza artificiale viene scaricato su hardware secondari. Tenendo conto ciò, e nonostante apparenti rapidi progressi, il mercato degli assistenti virtuali è comunque ancora agli albori.