aggiornamento pubblicità WhatsappTutti gli utenti Whatsapp se lo aspettavano ormai da mesi, ma ora giunge la conferma ufficiale da parte delle alte sfere della società incaricata dello sviluppo. Il Vice Presidente  della compagnia, nella personalità di Chris Daniels, è stato intervistato in queste ore che hanno confermato l’arrivo dell’odiosa pubblicità WhatsApp. Come e quando arriverà non è più un mistero.

 

WhatsApp: confermata la pubblicità con il prossimo aggiornamento

Uno dei 5 motivi per cui gli utenti sceglieranno Telegram al posto di WhatsApp è rappresentato dall’arrivo della tanto temuta pubblicità negli Stati. Ci si limiterà a pubblicare i banner all’interno delle “Storie” senza prevedere quindi l’arrivo della medesima funzione all’interno delle chat e dei gruppi.

Nonostante si tratti di una funzionalità poco invasiva è chiaro che gli utenti non sono d’accordo all’unanimità. Tutti coloro che utilizzano l’applicazione come una sorta di alternativa social ad Instagram e Facebook non saranno felici di apprendere che a partire dal prossimo aggiornamento ci sarà una vera e propria invasione di annunci.

Le aziende potranno monetizzare e guadagnare nuovi clienti grazie a finestre popup con ads ad hoc. Gli utenti, d’altro canto, dovranno sorbirsi gli annunci e scendere a compromessi per l’autonomia della batteria, ora ridotta da animazioni e nuovi contenuti. In merito alla conferma ufficiale si è espresso Daniels, con un commento rilasciato su Outlookindia che non lascia spazio ad alcun dubbio:

Leggi anche:  WhatsApp: con questo trucco nuovo potete spiare tutti di nascosto

Inseriremo annunci pubblicitari nello “Stato”. Sarà la modalità di monetizzazione principale per l’azienda e un’opportunità per le aziende di raggiungere le persone su WhatsApp”

Manca l’indicazione delle tempistiche, ma non è difficile pensare che si tratti di una misura da applicare già a partire dal prossimo aggiornamento Whatsapp previsto per gli utenti Android ed iOS.

La decisione di aderire ad una vasta campagna pubblicitaria ha spinto i co-fondatori a tirarsi indietro già a pochi mesi di distanza. Aspetterai di vedere la reazione della comunità o hai già deciso di passare a Telegram? Facci sapere che cosa ne pensi al riguardo con un tuo commento.