apple iphone xr ifixit

Dopo aver smontato pezzo per pezzo i nuovi iPhone XS e XS Max, il team di iFixit ha deciso di analizzare un nuovo device Apple. In questo caso si tratta di iPhone XR, il “fratello minore” di questa generazione. Come già sappiamo si tratta di un device di tutto rispetto, basta guardare i risultati ottenuti nei benchmark, che lo posizionano a ridosso degli altri due smartphone di Cupertino.

Stando a quando emerso con lo smontaggio, iPhone XR può essere considerato a tutti gli effetti un iPhone 9. Infatti ci sono elementi che ricordano il design interno di iPhone 8 ma anche elementi presi in prestito da iPhone X. In particolare è possibile trovare una batteria a cella singola, rispetto alle più recenti a due celle unite a forma di “L” ed una scheda logica simile a quelle delle generazioni precedenti. Tuttavia tutta la componentistica è aggiornata con le ultime trovate, il che dimostra l’attenzione posta da Apple verso questo terminale.

Come sempre, una delle priorità di Apple è l’accessibilità. Infatti accedere alla batteria è piuttosto semplice anche rimuovendo il display. La batteria in particolare è da 11.16 Wh, più piccola rispetto a quella di XS Max (12.08 Wh). Questa scelta è dovuta soprattutto alla mole di pixel da gestire per lo schermo, ma si tratta comunque di una quantità di energia sufficiente per la maggior parte degli utenti.

Leggi anche:  Fastweb: nuove offerte con Giga e Minuti, arrivano anche i nuovi iPhone XS

La sostituzione di un display rotto è facile secondo iFixit e, facendo attenzione, si può preservare il sistema FaceID. Le componenti sono mantenute in posizioni da viti piccole e non comuni, ma almeno non si utilizza la colla, rendendo impossibile le riparazioni. Inoltre la presenza di vetro di protezione avanti e dietro rende necessaria molta attenzione. In caso di rottura bognerà sostituire l’intero chassis.

La somma di tutti questi elementi, positivi e negativi, ha permesso ad iPhone XR di ottenere un punteggio di riparabilità pari a 6 su 10. Si tratta di un valore di tutto rispetto considerando che altri smartphone top di gamma (tra cui anche Pixel 3 XL) non sono riusciti ad andare oltre i 4 punti.