motorola ifixit

Motorola e iFixit hanno stretto una storica partnership. Nell’ottica di restituire agli utenti il diritto di riparare i propri device tecnologici, iFixit ha iniziato a vendere dei kit di riparazione ufficiali per gli smartphone Motorola.

La particolarità di questi kit è che al loro interno sarà possibile trovare il pezzo da sostituire e tutti gli strumenti necessari a completare le operazioni di riparazione senza problemi. Infatti sono presenti anche alcuni attrezzi di precisione forniti direttamente dall’OEM. Le guide ovviamente sono disponibili gratuitamente sul sito iFixit.

Sarà possibile sostituire solo il display, LCD e il digitalizzatore o la batteria di svariati modelli tra cui Moto G5, Moto G5 Plus, Moto X, Droid Turbo 2 e Moto Z Play. I prezzi possono variare a seconda del kit scelto e del modello. Si può passa da circa 40 ad anche 200 dollari nel caso dei pezzi degli smartphone più pregiati.

Leggi anche:  iPad Pro da 11 pollici, il teardown di iFixit rivela alcuni problemi

Si tratta di una partnership coraggiosa da parte di Motorola e iFixit che si schiera in netto contrasto con quanto messo in atto da Apple. L’azienda di Cupertino infatti ha di fatto eliminato la riparazione dei MacBook alle terze parti. Infatti è stato inserito un tool che blocca il dispositivo se non viene eseguito dai centri di assistenza ufficiali.

Questa scelta dimostra come possano coesistere sia le riparazioni ufficiali che quelle indipendenti. La decisione di avvalersi solo delle prime è una precisa scelta commerciale da parte dei produttori che penalizza non poco la scelta dei consumatori. In questo modo si potrà dare una seconda vita ad un device rotto senza dover spendere un capitale e senza generare nuova spazzatura tecnologica.