5GI principali operatori telefonici del nostro paese, quali Wind Tre, TIM, Vodafone e Iliad, hanno recentemente iniziato a darsi battaglia nel tentativo di acquisire le ultime frequenze, da 3’700Mhz, per l’ormai imminente rete 5G. Le ultime settimane sono state caratterizzate da rilanci e prezzi che hanno effettivamente subito un’impennata rispetto ai 700Mhz, ma chi la spunterà?.

Il futuro della connessione mobile si sta decidendo a suon di euro e rilanci d’asta; in seguito all’assegnazione dei 700Mhz, battuti al primo tentativo ad Iliad, Vodafone e TIM (grazie anche alla non offerta di Wind Tre, per scelta), l’attenzione degli operatori si è letteralmente buttata su quelle che dovrebbero essere le frequenze migliori.

Consapevoli dell’importanza di acquistare un posto al tavolo del futuroWind Tre (sopratutto dopo aver rinunciato ai 700MHz) sta letteralmente dando battaglia ai colossi TIM e Vodafone per i 3,7GHz.

 

5G: la battaglia tra i principali attori del mercato è più che agguerrita

L’asta dei giorni scorsi si è conclusa con il vantaggio di TIM, in grado di proporre, per due blocchi (uno da 80MHz ed uno da 20Mhz) ben 850 milioni di euro; alle spalle è comunque possibile trovare Wind Tre che, con addirittura 697 milioni di euro, sta cercando di acquisire un lotto da 80Mhz. Iliad, considerata la concorrenza, viene relegata in ultima posizione con 88 milioni di euro per un blocco generico da 20MHz (attesa per l’offerta di Vodafone).5G

Leggi anche:  5G: perché sarà così speciale per gli utenti Tim, Vodafone, Wind e Iliad

La battaglia sembra non essere destinata a terminare in tempi brevi, data sopratutto la presenza di ancora una frequenza da assegnare (da 26GHz). In questo marasma che si è andato a creare, l’attore che più guadagnerà è proprio lo Stato italiano; ad oggi, infatti, oltre 1 miliardo di euro in più, rispetto alle stime pregresse, verrà versato nelle casse dell’erario.