Gboard mini sticker
Le emoji sono in continua espansione ma non saranno mai abbastanza perché è praticamente impossibile averne una per ogni pensiero o oggetto esista nella realtà. Google potrebbe avere una soluzione a questo problema con i suoi nuovi sticker per Gboard. Stiamo parlando dei mini sticker.

Gli avatar personalizzati hanno riscosso molto successo nel mercato degli smartphone a partire dalla loro prima introduzione con iPhone X sotto il nome di Animoji. Da allora abbiamo visto una varietà di funzioni simili come le AR Emoji, Qmoji, Omoji e una tonnellata di altri Emoji.

Con mini sticker, Google affronta questa tendenza consentendo agli utenti di trasformare i propri volti in adesivi che possono essere inviati ad altri su diverse applicazioni di messaggistica. La funzionalità è stata introdotta per la prima volta in Allo lo scorso anno, con il nome di selfie sticker e ora viene integrata in Gboard per un accesso più semplice.

Leggi anche:  Alphabet non soddisfa le aspettative con le recenti entrate rilevate

È possibile creare una versione adesiva di se stesso avviando Gboard e toccando la nuova icona Mini Sticker. A questo punto basterà scattare un autoscatto, un selfie, e lasciare che Gboard faccia la sua magia. L’adesivo potrà poi essere personalizzato modificando la posa o l’espressione e verrà memorizzato insieme agli altri adesivi.

 

Gboard, come installare l’ultima versione dell’applicazione

Gli utenti che non possiedono Google Gboard ma vogliono scaricare l’applicazione possono farlo collegandosi con il proprio smartphone Android a questa pagina del Play Store di Google. Il download è completamente gratuito così come l’utilizzo dell’applicazione.