Unicredit

I cybercriminali sono tornati ad operare a pieno regime, attuando nuove truffe che in realtà si rivelano essere trite e ritrite. Nonostante ciò, alcune persone ancora ci cascano per inesperienza, ma con dei semplici trucchetti si può evitare il tutto.

Prima di parlare di altro, dobbiamo avvisare i nostri lettori che l’operato dei criminali dell’internet al momento si sta concentrando sull’istituto bancario Unicredit, ma niente paura poiché questa banca è la prima a fornire efficienti servizi che tutelano i correntisti.

Tra questi, il più rinomato e diffuso è il mobile token, ma ne esistono anche altri due che sono:

  • UniCredit Pass: piccolo dispositivo che genera la password
  • la Password Card: una tesserina plastificata con 40 codici prestampati

Come funzionano? Sono sicuri?

Parlando del più diffuso, il  Mobile Token è uno strumento che consente, nella massima sicurezza, di generare password dispositive. Attraverso il ‘mobile token’ le password generate possono essere utilizzate anche in banca via Internet (al posto del codice dell’UniCredit Pass o della Password Card).  Per attivare questa modalità di sicurezza è suffciente recarsi “In Banca via Internet, nella SEZIONI CONTI la voce “MOBILE BANKING“”

Leggi anche:  PostePay: continuano a circolare mail phishing che truffano i clienti

L’Unicredit Pass è, invece, la classica chiavetta che genera le OTP, One Time Password. Anche questa è totalmente sicura e risulta essere più facile nell’utilizzo per chi non è dotato di smartphone o non ha interesse a scaricare l’applicazione ufficiale della banca.

Infine vi è la Password Card che è la modalità meno diffusa: essa è sempre sicura e concede 40 codici univoci con cui effettuare l’accesso, ma si deve avere cura di custodirla al meglio poiché potrebbe entrare nelle mani sbagliate.