iPhone X Plus

L’iPhone X presentato a settembre 2017 doveva essere il terminale di svolta del colosso di Cupertino con nuove ed innovative funzionalità come un avanzato sistema di riconoscimento facciale e uno schermo OLED, una novità per un dispositivo Apple che ha sempre sfruttato schermi LCD, le quali avrebbero dovuto rendere questo cellulare un capolavoro della tecnologia odierna.

Il terminale a prescindere dalle sue caratteristiche però non ha venduto come gli analisti e soprattutto gli investitori si aspettavano infatti, ad inizio 2018, giunge notizia che Apple abbia deciso di produrre solo 20 milioni di iPhone X contro di 40 precedentemente annunciati, annuncio che ha fatto cedere all’azienda il 2% in borsa. Infatti, benché i ricavi di Apple siano aumentati, il che in larga parte da attribuirsi all’aumento del costo dei terminali stessi, il numero di vendite di iPhone e conseguentemente della sua quota di mercato è diminuita di anno in anno, se nel 2015 venivano venduti 225.8 milioni di terminali nel 2017 Apple ne ha venduti solamente 214.9.

Sia chiaro, il colosso americano non è in nessun immediato rischio ma si incomincia ad avvertire la necessità da parte di investitori e dirigenza di trovare un modo per invertire questo trend negativo, ed è per questo che Apple ha grandi progetti per il successore di iPhone X di cui ancora si ignora il nome ufficiale ma che potrebbe chiamarsi forse o iPhone X Plus od iPhone XI, con esso l’azienda cercherà di tornare a veder aumentare il numero di vendite dei suoi terminali.

 

iPhone X Plus: un concentrato di tecnologia

Il nuovo iPhone X rimane naturalmente a questo punto della produzione ancora avvolto nel mistero ma analisti e leak di vario tipo hanno incominciato a dipingerne una immagine più coesa e comprensiva, la prima indiscrezione riguarderebbe il naso (la parte centrale del terminale in cui sono ubicate fotocamera e FaceID e che non fa parte dello schermo) che dovrebbe ridursi notevolmente in dimensioni grazie ad una nuova tecnologia che permetterebbe di unire fotocamera frontale e il sensore per il riconoscimento facciale.

Leggi anche:  Apple: posticipato il lancio degli iPhone per un problema ai display LCD

Apple inoltre, starebbe ricercando tecnologie capaci di collocare sensori tra un pixel e l’altro di fatto incorporandoli dentro lo schermo anche se questo non vuol dire che il naso scomparirà del tutto. Rimango dubbi sulle dimensioni del display del terminale, questo anche in virtù del fatto che si sa che ben tre dimensioni sono state commissionate a produttori esterni esse sono 5.8, 6.1 e 6.5 pollici rispettivamente, dato che si crede che Apple lancerà tre nuovi terminali a settembre non è ancora chiaro quale pannello andrà al successore di iPhone X probabilmente quello da 6.1’’.

Il comparto fotografico inoltre vedrà delle sostanziali modifiche per il sensore posteriore, quello anteriore dato che si trova ad essere veramente avanzato rispetto alla concorrenza android in ogni probabilità non vedrà modifiche, mentre quello posteriore potrebbe avere uno scanner 3D per mappare gli oggetti in tre dimensioni. Alcuni render sembrano mostrare peraltro, un modulo a tre sensori ma analisti sembrano abbastanza convinti che tali importanti modifiche al comparto fotografico potranno avvenire solo nel 2019 e non prima.

Infine, Apple avrebbe brevettato e starebbe attualmente ricercando obbiettivi intercambiabili per le fotocamere posteriori dei propri iPhone ma è attualmente sconosciuto se e quando questa funzionalità sarà disponibile sui melafonini. Oltre a queste indiscrezioni e rumour si ritiene che il prossimo iPhone X avrà wireless charging a lungo raggio, supporterà le reti 5G e che probabilmente vedrà la propria RAM passare da 3GB a 4GB.

 

Quanto descritto sopra rimane nel campo ancora dei rumour o indiscrezioni e si dovrà aspettare ancora qualche mese prima di avere le prime conferme ma certamente dipingono un quadro interessante sul successore di uno dei cellulari più costosi sul mercato nonché uno dei più controversi.