Xiaomi Mi 8 SE Snapdragon 710Xiaomi Mi 8 SE potrebbe essere il primo smartphone ad equipaggiare un SoC di manifattura Qualcomm per le revisioni di prodotto targate Snapdragon 710 che, come visto, vanno a sostituire gli apprezzatissimi Snapdragon 660 nel range di mercato della fascia media.

Dopo averne dato un’anteprima sulle ottimizzazioni e le specifiche che gli conferiscono notevole vantaggio rispetto alle soluzioni attuali, pare proprio che si sia entrati nella fase immediatamente successiva, ovvero sia quella dell’implementazione che, in Xiaomi MI 8 SE, potrebbe vedere il suo primo protagonista.

Come lo sappiamo? Lo abbiamo intuito da una nuova immagine teaser, dove si sono offerti anche alcuni estremi di riferimento specifici sulle potenziali implementazioni hardware di primo piano.

 

Xiaomi MI 8 SE con QC Snapdragon 710

Il nuovo chip californiano di fascia medio-alta si sta preparando al suo trionfale esordio nella sfera dei device smart midrange del nuovo anno, dopo aver dato dimostrazione di forza contro uno Snapdragon 660 che pare aver fatto ormai il suo tempo.

La speciale variante di uno Xiaomi MI 8 oggetto di una presentazione in data odierna potrebbe avvantaggiarsi quindi di una nuova piattaforma hardware che va ben oltre l’indicazione del semplice notch. Estreme funzionalità IA assimileranno questo prodotto ad un vero top di gamma, con dotazioni in grado di offrire al pubblico una doppia fotocamera posteriore con il sensore principale dotato di pixel da 1,4 micron e una anteriore da 20 MegaPixel.Xiaomi Mi 8 SE Snapdragon 710 teaserIn questo contesto fa da padrone il nuovo SoC, il quale si occupa di gestire tutte le elaborazioni del comparto imaging e calcolo grafico-numerico. Il comparto GPU si affida  ad una Adreno 616, e quello CPU ad un ‘architettura di livello Big-Little con core Kryo 360 basati su Cortex-A75 o A55 a seconda che siano Gold Silver. Si nota, in questo caso, una certa affinità tecnica con le soluzioni top di gamma SD 845.

Leggi anche:  Xiaomi Mi Mix 3: lo smartphone potrebbe supportare il 5G ed avere 10 GB RAM

Si tratta pur sempre di un Octa-Core con 2 core Gold e 2 Silver (Big.Little) dotati di sistema AI Engine, il quale si occupa di gestire il carico energetico delegando le risorse i maniera mirata a seconda dei tasks. Un processore in grado di rivaleggiare con i rivali in carica del mondo top di gamma. Lo vedremo in azione molto presto. Intanto, resta pure sintonizzato sul nostro sito per scoprire tutte le novità dell’Expo in programma tra poche ore.

E non perderti: Recensione Redmi Note 5