Honor 9
Honor 9 ha iniziato a ricevere un nuovo aggiornamento software in Europa. Si tratta dell’aggiornamento versione B366 che è basato su Android 8.0 Oreo e migliora la sicurezza del sistema operativo. Le note di rilascio ufficiali non riportano altro che l’introduzione delle patch Android del mese di maggio 2018.

LEGGI ANCHE: Honor Play atteso il prossimo mese con tecnologie spaventose

Queste patch, secondo il bollettino di sicurezza, risolvono svariate falle che potevano essere sfruttate dai malintenzionati per prendere il controllo di Honor 9 e dei dati del possessore archiviati nella memoria interna. Le più gravi erano sei criticità, seguite da svariati problemi di rischio medio alto.

 

Honor 9, come aggiornare il software di sistema alla versione B366

L’aggiornamento è attualmente in distribuzione per i modelli di Honor 9 STF-L09 venduti in Europa e privi di qualsiasi personalizzazione software da parte degli operatori telefonici. Questa nuova versione software viene notificata in automatico dallo smartphone ma potrebbero volerci ancora alcuni giorni.

Leggi anche:  Android 9 Pie per Nokia 7 Plus arriverà in ritardo: l'update nell'ultimo ciclo di test

Tuttavia, accedendo alle impostazioni e successivamente alle informazioni di sistema, è possibile avviare una ricerca degli aggiornamenti disponibili in modo da forzarne la comparsa. In ogni caso la procedura prevede prima il download dell’aggiornamento e poi la successiva installazione.

In entrambi i casi a fare tutto è Honor 9 a patto però che attivate una connessione WiFi e che avete la batteria carica. L’installazione durerà al massimo qualche minuto e terminerà con il riavvio di Honor 9 che, prima di accendersi del tutto, ottimizzerà gli applicativi presenti in memoria.

Come tutti gli altri aggiornamenti software anche questo non elimina alcun dato personale, così come le impostazioni e le applicazioni. Nonostante questo il produttore consiglia sempre ai suoi clienti di eseguire un backup. In caso di problemi inseguito all’aggiornamento, potrebbe bastare un wype cache entrando in modalità recovery.