paypal truffePaypal è uno dei servizi online più utilizzati al mondo per lo spostamento di denaro e i pagamenti, accettato da quasi tutte le principali piattaforme di servizi in rete e studiato appositamente per rendere facile e veloce il processo di acquisto. Proprio per il suo grande successo e per la sua affermata credibilità spesso è nel mirino di malintenzionati che ne approfittano per raggirare gli utenti con trucchi semplici, ma efficaci che fanno leva su fantomatici problemi legati al proprio conto o alla propria carta.

 

Le mail sospette

Capita spesso che nella propria casella di messaggi si trovi una mail firmata Paypal che ci avvisa di un tentativo fallito di pagamento oppure di una richiesta di aggiornamento dei dati, con alla fine un piccolo pulsante o un link da cliccare per inserire i nostri dati personali come indirizzo mail e password dell’account.

Le mail sono spesso sbrigative, scritte con un italiano poco chiaro o non conforme al tono serio e ufficiale tipico delle mailing list di importanti servizi online, primo segno del fatto che potrebbe essere una mail truffa; inoltre, facendo bene attenzione, spesso si parla di pagamenti non andati a buon fine oppure alla necessità di reinserire i propri dati per aggiornare i database. E infatti, cliccando sui link allegati, ci si ritrova in pagine molto diverse dal sito ufficiale, anche se molto simili nell’indirizzo web.

 

Riconoscere velocemente la truffa

Ma come possiamo sapere se le mail che ci arrivano sono legittime oppure no? In effetti è sempre più complicato scoprirlo, dal momento che nel tempo le mail truffa sono fatte sempre meglio, con grafiche e impaginazione del tutto identiche a quelle che arrivano dall’account ufficiale di Paypal.

Leggi anche:  Unicredit: le truffe sui conti correnti aumentano ma la banca mette al sicuro tutti

Ma il trucco c’è, ed è molto più semplice di quanto ci si aspetti: basta verificare il mittente della nostra mail. È impossibile copiare un indirizzo mail ed usarlo per truffare le persone, dunque il vostro mittente non sarà Paypal, ma un indirizzo molto particolare o che addirittura non presenta nemmeno il nome del servizio al suo interno. Questo è sicuramente il modo più rapido ed efficace di riconoscere una truffa online. E se l’indirizzo vi sembra legittimo? Basterà copiarlo e incollarlo su google: in caso di indirizzo spam o truffa, dei siti dedicati ve lo segnaleranno subito.

 

Evitare le truffe online

Diffidate sempre da qualsiasi sito o pubblicità che vi richieda i dati del vostro account Paypal per scopi diversi dal pagamento di servizi che avete deciso di acquistare. Fornire i propri dati equivale a concedere a terzi l’utilizzo del proprio account e spesso è difficile se non addirittura impossibile riparare alla situazione, dal momento che siete stati voi a fornire spontaneamente i vostri dati privati. E se invece il vostro account dovesse essere compromesso dopo un pagamento o a causa di un furto di dati dal database di qualche sito, non dovete preoccuparvi: Paypal in questo caso bloccherà prontamente il vostro credito online e in caso di furto sarà pronto a risarcirvi.