Google, problemi legali nel Regno Unito
Google, problemi legali nel Regno Unito

Le grane legali per certi colossi non finiscono mai. Un po’ perché effettivamente fanno qualcosa di sbagliato altre volta perché lavorano in zone non molto esplorate dalle leggi, i cui confini sono molto sfocati. Succede, spesso, anche a Google e per questo caso particolare, dovremmo risalite al 2012.

Ai tempi, la compagnia aveva accettato di pagare 22,5 milioni di dollari per saldare le accuse di FTC sull’utilizzo dei cookie di tracciamento nel browser Safari. Ora la società è stata citata in giudizio nel Regno Unito per lo stesso problema, secondo un rapporto di The Guardian.

 

Sei anni dopo, ma stessa accusa

Soprannominata la soluzione di Safari dal ricercatore del dottorato che ha scoperto l’originale scappatoia di quegli anni. A quanto pare, tale sistema ha permesso a Google di raccogliere informazioni personali sugli utenti come etnia, salute fisica e mentale, ideologia politica, classe sociale, posizione, abitudini di acquisto e dati finanziari. Tutti questi dati sono stati poi aggregati, secondo l’accusa, in diversi gruppi per fornire pubblicità mirata.

Leggi anche:  Google Pixel 3, i preordini si apriranno a partire dal 9 ottobre

Da parte sua, la società ha affermato che nessuna di queste informazioni è stata condivisa con terze parti e che non vi è alcun modo per identificare le persone interessate dall’aggregazione. L‘avvocato di Google, Anthony White, ha anche affermato che tale accusa mira solo a colpire l’azienda e non a difendere i consumatori.

Il direttore delle comunicazioni del Regno Unito, Tom Price, ha notato che il problema risale a molto tempo fa. “La privacy e la sicurezza dei nostri utenti è estremamente importante per noi. Questo caso riguarda eventi che si sono verificati più di sei anni fa e che ci siamo rivolti in quel momento”.