Apple ha interrotto la produzione dell’iPhone 7 nella variante da 256 GB di archiviazione, questo è quanto riportato dai rapporti.

 

Mossa vincente o grave errore?

 

Secondo le indiscrezioni raccolte, Apple avrebbe potuto fermare la vendita di questa variante dell’iPhone 7, già, il 12 Settembre, giorno della data di lancio degli ultimi modelli. Questa mossa effettuata da Apple non è sorprendente poiché l’azienda sta facendo di tutto per di spingere le vendite sui device più recenti, l’iPhone 8 e l’iPhone 8 Plus. Purtroppo, le vendite di questi smartphone non stanno andando bene e l’iPhone 7 è riuscito ad ottenere molto più successo negli ultimi mesi.

iPhone 8

Non a caso, ha superato l’elenco degli smartphone più venduti al mondo nella prima metà dell’anno. Il secondo smartphone nell’elenco è l’iPhone 7 Plus. Una volta che l’iPhone 8 e 8 Plus sono stati svelati, i modelli precedenti hanno ricevuto un taglio dei prezzi e questa mossa ha aumentato le loro vendite. I modelli di nuova generazione non vendono come previsto, in quanto, non offrono molte differenze rispetto ai modelli più vecchi. Anche se, i nuovi iPhone 8 possono beneficiare della funzionalità di caricamento wireless, questa non è riuscita ad attirare l’interesse degli utenti.

Leggi anche:  iOS 12 disponibile per iPhone, iPad e iPod da oggi: ecco a che ora si potrà scaricare

Non solo gli acquirenti, ma anche gli esperti del settore, sembrano credere che l’iPhone 8 e l’iPhone 8 Plus non dispongano di funzionalità innovative, sufficienti per le persone, a scegliere di acquistare questi telefoni. Dato che Apple ha abbandonato la variante dell’iPhone 7 e 7 Plus da 256GB, restano disponibili solo in due opzioni, 32 GB e 128 GB di spazio di archiviazione. Ora, non resta che attendere che, questa mossa, adottata da Apple frutti o meno un vantaggio per l’azienda, stimolando, così, gli acquirenti all’acquisto dell’ iPhone 8.