guerra-dei-prezzi-

Alla base della così detta “guerra dei prezzi” ci sarebbe la crisi economica, l’intercambiabilità di prodotti e servizi e la sempre più forte concorrenza globale. Nel corso di questi anni questo fenomeno è andato sempre più a concentrarsi, portando le imprese italiane ad una diminuzione dei prezzi di vendita. Questo, però, secondo la consulente high ticket Elena Setzu, non è la soluzione.

 

 

Guerra dei prezzi, per Elena Setzu diminuirli non è la soluzione

Durante il fenomeno della così detta “guerra dei prezzi” le imprese italiane sono state portate al fenomeno del pricing al ribasso. Tutto ciò però non ha conseguenze positive per le aziende italiane, soprattutto perché impedisce di far emergere le proprie unicità alle diverse realtà imprenditoriali.

Questo è il pensiero della nota consulente high ticket Elena Setzu. Quest’ultima è inoltre imprenditrice ed aiuta imprese e professionisti ad applicare il concetto di high ticket: “Il concetto di high ticket nasce con l’obiettivo di fornire un aiuto sempre più accurato e ad alto valore aggiunto, attraverso un nuovo tipo di approccio al mercato – ulteriormente potenziato dal web – basato sulla capacità di affiancare le imprese generando un impatto positivo.”

Elena Setzu è poi specializzata in consulenze dedicate a liberi professionisti e imprenditori che vogliono promuoversi online, così come a privati che vogliono avvicinarsi al digital:

“Posizionarsi nella fascia alta di mercato ha un risvolto estremamente positivo a livello di qualità del servizio offerto, nella percezione del cliente e naturalmente anche sul fatturato. Riuscire ad alzare i prezzi, per un’impresa, è più che mai vitale. Ad oggi è senza dubbio l’unico modo per costruire un business futuribile e sostenibile nel tempo, e sposare una filosofia high ticket consente l’ampliamento del proprio team, maggiori capacità promozionali e un posizionamento su una fascia di mercato che risente, storicamente molto meno di altre, le oscillazioni della crisi”.

Articolo precedenteEnel Energia: comunicazione sui pagamenti all’improvviso, ecco come non pagare
Articolo successivoForza di gravità, se vuoi pesare meno vai in questo luogo
Anna Lisa Ferilli
Grande appassionata di smartphone e tecnologia, attualmente sono editor presso www.tecnoandroid.it. Sono inoltre iscritta presso Università del Salento per conseguire la laurea magistrale in Lingue moderne, letterature e traduzione.