Vacanze 2022: autostrade bloccate, i viaggi si trasformeranno in un incuboBrutta notizia per gli utenti che spesso ricorrono all’autostrada per i propri spostamenti, il 2023 non poteva iniziare peggio, se non con la notizia di importanti rincari su alcune tratte autostradali, in grado di raggiungere anche il 9% sull’Autovia Padana.

Come ogni anno, i gestori delle autostrade aggiornano i propri listini, incrementando i prezzi per i più svariati motivi, ad esempio appunto la manutenzione o la gestione dei tratti di competenza. Tralasciando i tratti gestiti da aziende private, come appunto l’Autovia Padana di cui vi parlavamo poco sopra, scopriamo a quanto corrispondono gli aumenti sui tratti gestiti da Autostrade per l’Italia (ASPI).

Iscrivetevi subito al nostro canale Telegram, avrete ogni giorno sul vostro smartphone i codici sconto Amazon e tantissime offerte da non perdere.

 

Autostrade, ecco quanto pagherete di più nel 2023

Il rincaro, stando a quanto effettivamente comunicato, sarà pari al 2%, con decorrenza il 1 gennaio 2023, con l’annuncio però che dal 1 luglio 2023 si assisterà ad un ulteriore incremento pari all’1,34%. Modifiche minime ad occhi nudo, ma che possono indubbiamente incidere di molto sulle tasche dei contribuenti che ogni giorno percorrono a proprio spese le autostrade, ad esempio per recarsi a lavoro.

Una brutta notizia mitigata però dallo stesso Matteo Salvini, a capo del Ministero delle Infrastrutture, il quale sostiene di essere riusciti a scongiurare un incremento ben più gravoso per le tasche di tutti noi, in quanto sarebbe potuto essere del 5%.

A mitigare la notizia, la stessa AISCAT ricorda che è dal 2018 che i pedaggi autostradali non subiscono incrementi, e di più l’aumento è inferiore a quelli attuati da altri paesi, ad esempio in Francia sarà del 4,75%, a partire da Febbraio 2023.

VIAOpen.Online
Articolo precedenteIliad, nel 2023 c’è quest’offerta con 120 Giga e tre servizi gratis
Articolo successivoTIM, le migliori tariffe del 2023: occasioni sino a 100 Giga
Denis Dosi
Laureato in ingegneria informatica nel lontano 2013, da sempre appassionato di scrittura e tecnologia sono riuscito a convogliare in un'unica professione le mie due più grandi passioni grazie a TecnoAndroid.