Il metaverso può avere ripercussioni e conseguenze più o meno gravi sulla nostra percezione, il nostro stile di vita e soprattutto sulle nostre competenze di tipo sociale. Su questo non ci sono dubbi. Tuttavia, non c’è una vera consapevolezza collettiva su tali rischi. Il produttore dello spettacolo Abba Voyage ha cercato di spiegarne alcuni.

Svana Gisla afferma che questa tecnologia la “spaventa” e non rappresenta un evidente miglioramento delle esperienze digitali. Ha spiegato ai parlamentari che Abba Voyage, un concerto fisico con quattro versioni digitali 3D dei giovani del gruppo che cantano e ballano alcuni dei loro successi, è stato appositamente progettato per essere un’esperienza possibile per un gruppo piuttosto che un evento in streaming completamente virtuale o digitale su dispositivi mobili.

“Il metaverso spaventa perché sento che solo perché la tecnologia è disponibile non significa che dobbiamo usarla”, dichiara Svana Gisla. Il concerto si svolge in un’arena da 3.000 posti appositamente costruita nella zona est di Londra. Il fondatore di Facebook Mark Zuckerberg ha etichettato il metaverso – un mondo virtuale accessibile tramite visori per realtà virtuale in cui gli utenti possono accedere a tutti i loro servizi essenziali, nonché lavorare e socializzare con altri in tutto il mondo – il futuro di Internet.

Esperienze umane e metaverso, Gisla dell’Abba Voyage non apprezza il progetto di Meta a riguardo

Ma Gisla ha affermato che le esperienze di gruppo sono più naturali per gli esseri umani e, a causa dell’aumento della tecnologia e dei dispositivi mobili, “è solo recentemente che siamo stati incoraggiati a non esserlo”. “Non significa che ci fa bene, non significa che sta migliorando qualcosa, e non vedo alcun miglioramento nel mettere (in) più schermi e convincere le nostre generazioni più giovani a immergersi più a fondo nella solitudine di trovarsi all’interno di un schermo tutto il giorno. Questa è solo la mia opinione personale” prosegue Gisla.

“Ci piacciono le emozioni vere e temo che la tecnologia ci abbia reso molto isolati. È un’esistenza molto solitaria vivere con la tecnologia. In realtà è fatto per separare le persone e connetterle uno a uno ma solo con un dispositivo. Abbiamo fatto la scelta di non passare al digitale con questo spettacolo e abbiamo avuto un sacco di persone che ci dicevano che eravamo pazzi a spendere tutti questi soldi e creare lo spettacolo in modo che le persone dovessero spostarsi per provarlo. Volevamo un’esperienza emotiva.”

“Lo vediamo nei nostri figli, lo vediamo nei nostri nipoti: le loro abilità sociali non ci sono e l’esperienza interattiva ed emotiva di stare con le persone e sperimentare le cose si sta perdendo”. Gisla ha affermato che la fotografia e le riprese sono vietate ad Abba Voyage perché si vuole che il pubblico sia “presente” e per ricordare loro “puoi sperimentare le cose senza mettere il telefono davanti agli occhi”. “Le cose accadono se non le pubblichi su Instagram”, dichiara. Un parere che sicuramente ha dei punti chiave condivisibili, altri meno. Siamo nel boom dell’era tecnologica, solo il tempo ci darà davvero delle risposte.

Articolo precedenteHyundai IONIQ 5 fa parte di un nuovo show con Zac Efron
Articolo successivoTineco Carpet One Spot, arriva il lavatappeti e tessuti definitivo e wireless [recensione]
Avatar
Procrastinatrice cronica e allo stesso tempo perfezionista. Nel 2017 ho iniziato a lavorare per Tecnoandroid, riscoprendo e consolidando la passione per la tecnologia.