RECENSIONE SONOS SUB MINI

Sonos Sub Mini è un subwoofer compatto e dalle ottime performance, pensato per essere perfettamente integrato in un sistema Sonos, mantenendo comunque un prezzo allineato con il brand, infatti presenta un listino di circa 499 euro. Vediamolo da vicino nella recensione completa.

 

Estetica e Design

Da sempre i prodotti Sonos sono decisamente belli da vedere, anche il modello recensito non si allontana dalle aspettative, risultando prima di tutto un elemento di design, oltre che essere qualitativamente di livello elevato. Realizzato per buona parte in plastica, presenta una forma cilindrica con uno spazio centrale, atto a favorire la potenza dei bassi, ed un singolo pulsante fisico anteriore, per effettuare rapidamente la sincronizzazione.

Lo stile minimal è vincente, sia per la qualità dei materiali utilizzati, il prodotto è difatti resistente, solido ed affidabile, ma proprio per il design che risulta essere estremamente moderno. Le dimensioni non sono particolarmente ingombranti, più precisamente raggiungono 30,5 centimetri di diametro (essendo a base circolare) e 30,5 centimetri di altezza, con un peso che si aggira sui 6,35 kg.

Il Sonos Sub Mini non può essere utilizzato standalone, ciò sta a significare che deve essere sempre accoppiato con uno speaker Sonos (in quanto emette solo le frequenze basse), la cui configurazione è manuale con il sistema TruPlay. La compatibilità è estesa praticamente a tutti i modelli, ad esclusione di Sonos Roam Sonos Move. Il prodotto deve necessariamente essere collegato ad una presa di corrente, l’alimentatore è integrato direttamente nello stesso, portando l’utente ad utilizzare solo un cavo per il collegamento a muro. Nella parte inferiore, sotto i piedini per intenderci, trova posto anche una porta ethernet per il collegamento diretto al router, oppure è possibile sfruttare la connettività WiFi 802.11n dual band (a 2.4 e 5GHz).

Hardware e Prestazioni

Il pairing con gli altri prodotti Sonos è rapidissimo, basta un clic ed in pochi secondi verrà riconosciuto per avviare il prima possibile la riproduzione. La natura plug&play lo rende sicuramente appetibile alle masse, essendo a tutti gli effetti un dispositivo settabile praticamente da chiunque al mondo.

Il Sonos Sub Miniintegra due woofer da 15 centimetri rivolti verso l’interno per la creazione dell’effetto force canceling, gli amplificatori sono di classe D, ottimizzati per l’architettura acustica, mentre il cabinet sigillato punta a neutralizzare il più possibile le distorsioni, migliorando i bassi. Il segnale digitale viene elaborato ed ottimizzato, permettendo al prodotto di riprodurre tutta la gamma dei bassi, in questo modo gli altri altoparlanti del sistema possono dedicarsi interamente alle medie e agli alti, migliorando moltissimo la qualità generale.

Essendo i bassi non direzionali, il posizionamento del dispositivo può avvenire dove meglio credete, grazie anche al controllo intelligente da parte del sistema di Sonos, che permette di gestire alla perfezione la potenza degli speaker stessi, dipendentemente dall’ambiente in cui si trovano (il cosiddetto TruPlay). L’abbinamento alla rete WiFi di casa può avvenire tramite NFC, basterà infatti avvicinare lo smartphone nella parte superiore, ed in pochi secondi il dispositivo sarà in rete.

Dipendentemente dal sistema che andrete effettivamente a creare, il Sonos Sub Mini presenta un volume massimo più che sufficiente per ambienti anche da 40/50 metri quadrati, dimostrando una potenza che supera di gran lunga le aspettative, in confronto alla relative ridotte dimensioni dello stesso. La gestione e la regolazione delle impostazioni è possibile direttamente dalla applicazione ufficiale, tramite la quale impostare l’equalizzazione, modificare la potenza dei bassi e simili (il volume viene regolato univocamente con il sistema). Il suono è limpido, nitido e ben dettaglio, è chiaro e ben definito, senza risultare sporco o non perfettamente riprodotto, anche alla massima potenza.

Sonos Sub Mini: conclusioni

In conclusione Sonos Sub Mini è il subwoofer da acquistare se siete in possesso di altri speaker Sonos, e volete creare un sistema completo e di altissima qualità. I suoi punti di forza sono indubbiamente rappresentati da un design elegante, con materiali premium, una semplicità di utilizzo encomiabile (è decisamente user-friendly), ma sopratutto la caratteristica qualità del suono che caratterizza i prodotti del marchio. Il prezzo è abbastanza elevato, si parte da un listino di 499 euro, tuttavia lo riteniamo adeguato alla qualità generale delle performance, e del design in sé.

Sonos Sub Mini

499
8

Design e materiali

9.0/10

Audio

8.5/10

Prestazioni

8.0/10

Software

7.0/10

Prezzo

7.5/10

Pro

  • Design elegante e materiali di qualità
  • Audio di ottimo livello
  • Plug&Play

Contro

  • Prezzo elevato
Articolo precedenteRecensione Oppo Enco Air 2 Pro: ANC e tanta autonomia al giusto prezzo!
Articolo successivoJurassic Park Operations, tutti gli appassionati della saga ameranno questo gioco