smartphone caldo soleseRicaricare lo smartphone di notte potrebbe essere pericoloso, se non dannoso, per la vostra salute, una notizia che potrebbe apparire come senza fondamento, ma che allo stesso tempo, dopo averla spiegata correttamente, vi permetterà di capire effettivamente essere un’azione da evitare accuratamente.

Prima di proseguire è importante ricordare che, di base almeno, nulla vi vieta di ricaricare lo smartphone nelle ore notturne, a patto che seguiate alcune indicazioni ben precisa. Il consiglio è infatti di posizionarlo in un ambiente aerato, non particolarmente chiuso o soffocante, in modo che il terminale possa disperdere il calore generato in fase di ricarica. Di seguito, invece, vi proponiamo i comportamenti da evitare.

Andate subito su questo canale Telegram per ricevere gratis codici sconto Amazon e scoprire le ultime offerte speciali.

 

Smartphone: i comportamenti da evitare

  • Ricarica sotto il cuscino o in ambienti ristretti – è risaputo che, in fase di ricarica almeno, la batteria è decisamente sotto sforzo, o più precisamente tende a riscaldarsi molto più del normale. Per questo motivo è fondamentale porre il dispositivo in un ambiente sufficientemente aerato, in modo che il calore si possa disperdere, evitando surriscaldamenti, fusioni o addirittura incendi.
  • Ricarica senza precauzioni software – le ultime versioni di Android, o le interfacce dei vari produttori, prevedono la ricarica intelligente notturna, ovvero il sistema è in grado di riconoscere il momento esatto di accensione alla mattina successiva, in modo da caricare lentamente lo smartphone, evitando difatti uno sforzo maggiore della batteria, preservandone la durata nel lungo periodo.

Questi comportamenti sono assolutamente da evitare, di conseguenza si raccomanda sempre la massima attenzione.

Articolo precedenteIliad: la grande tariffa con minuti e 150 Giga con il 5G gratis
Articolo successivoVodafone, la nuova tariffa con chiamate e 100 Giga contro Iliad
Denis Dosi
Laureato in ingegneria informatica nel lontano 2013, da sempre appassionato di scrittura e tecnologia sono riuscito a convogliare in un'unica professione le mie due più grandi passioni grazie a TecnoAndroid.