Nel mondo dell’informatica che si interlaccia al web le frodi sono senza dubbio all’ordine del giorno, incappare in un attacco informatico nell’era di internet è infatti incredibilmente facile, essere connessi con tutto il mondo espone infatti sia a numerose possibilità ma anche numerosi rischi, i quali prendono corpo in: phishing, malware, trojan e attacchi di vario tipo.

Ad aggiungersi all’elenco ci pensa ora una nuova truffa che mira al furto dell’account WhatsApp della vittima, il quale costituisce senza dubbio parte importante dell’identità digitale, motivo per cui è spesso mira di tentativi di frode vari e alle volte anche molto complessi, proprio questo è uno di questi casi.

 

Truffa intelligente e complessa

Lo schema alla base della truffa è composto da passi abbastanza semplici ma che concatenati risultano molto ingegnosi, dal momento che palesano una falla logica all’interno di procedure di sicurezza abbastanza standard e collaudate:

  • il malintenzionato chiama la vittima e la convince a comporre uno dei due numeri riportati di seguito:
    • **67* seguito da un numero a 10 cifre
    • *405* seguito da un numero a 10 cifre
  • quando la vittima compone il numero, viene disconnesso dal suo account e il malintenzionato ha il controllo completo su di esso
  • successivamente l’attaccante inizia a chiedere denaro ai contatti della vittima.

Sostanzialmente la deviazione delle chiamate e messaggi sposterà tutto ciò che è in entrata verso il numero del truffatore, il quale mentre il suo complice vi tiene al telefono, avvierà l’accesso a WhatsApp e l’SMS con il codice di sicurezza arriverà proprio sul suo numero, permettendogli di accedere al vostro account senza problemi.

Eduardo Bleve
Studente di medicina e da sempre appassionato di tecnologia, musica e curiosità scientifiche.