IPTV: la pay TV con Sky e DAZN illegali finisce qui, beccati in mezzo milione

Le soluzioni illegali non possono fare giri così lunghi, soprattutto quando sono sotto gli occhi di tutti. La pirateria che invade la TV ormai da diversi anni, è ritornata a livelli quanto mai così alti. Le IPTV sono di interesse comune visto che per pochi euro mensili consentono a tutti di avere qualsiasi piattaforma disponibile, correndo però alcuni rischi. La Guardia di Finanza infatti avrebbe intensificato l’attività sul territorio italiano per provare a smantellare qualsiasi altra piattaforma.

L’uso delle VPN ha contribuito alla crescita di questi servizi. Sfruttata in modo legale, una VPN è un servizio consigliatissimo e facile da usare essendo protetti in rete, e che se usato con i più noti servizi di streaming (Netflix, Amazon Prime Video) da accesso a cataloghi più vasti. NordVPN, la migliore VPN attuale, offre un ottimo servizio ed è in offerta con un prezzo scontatissimo.

 

IPTV: succede ormai spesso, anche questa volta la Guardia di Finanza blocca mezzo milione di utenti

In Campania c’era una piattaforma da 500.000 persone attiva. Tutte usufruivano di un abbonamento pirata utile per avere i contenuti di colossi come SKY e DAZN quasi gratis ogni mese. Adesso però tutto è stato bloccato dalla Guardia di Finanza, la quale ha indagato 20 persone e prossimamente multerà gli utenti identificati.

La legge del resto è molto chiara e come descrive ormai da diverso tempo, viene punita la persona che “abusivamente duplica, riproduce, trasmette o diffonde in pubblico con qualsiasi procedimento, in tutto o in parte, un’opera dell’ingegno destinata al circuito televisivo, cinematografico, della vendita o del noleggio, dischi, nastri o supporti analoghi ovvero ogni altro supporto contenente fonogrammi o videogrammi di opere musicali, cinematografiche o audiovisive assimilate o sequenze di immagini in movimento”.