apple-rilascia-nuove-dichiarazioni-problemi-icloud-ios-15-2

Apple ha dichiarato in una dichiarazione fornita a MacRumors che iOS 15.2 non conteneva un problema che disabilitava iCloud Private Relay per alcuni clienti. Il commento è stato fatto in risposta all’accusa di T Mobile secondo cui iOS 15.2 aveva automaticamente disattivato la funzionalità di inoltro privato di iCloud per alcuni utenti.

iCloud Private Relay è un servizio di privacy Internet all’avanguardia che consente agli abbonati iCloud+ di connettersi a Internet e navigare con Safari in modo più sicuro e privato. In iOS 15.2, non sono state apportate modifiche a iCloud Private Relay che avrebbero disattivato la funzione. Gli utenti dovrebbero controllare le proprie impostazioni per determinare se Private Relay è abilitato sul proprio dispositivo o per una rete specifica.

Apple afferma che il suo servizio non ha smesso di funzionare

Apple ha inoltre affermato che nessun operatore telefonico, incluso T-Mobile, ha impedito ai propri clienti di utilizzare la funzione di inoltro privato di iCloud. T-Mobile è stata accusata all’inizio di questa settimana di aver bloccato iCloud Private Relay per i suoi clienti dopo che alcuni clienti di T-Mobile hanno scoperto che non potevano attivare la funzione. T-Mobile ha quindi rilasciato una dichiarazione in cui affermava che l’aggiornamento di iOS 15.2 ha causato la disattivazione di alcune impostazioni del dispositivo per impostazione predefinita, cosa che Apple sostiene non si sia verificata.

Per utilizzare iCloud Private Relay, Apple consiglia agli utenti di attivare la preferenza Limita monitoraggio indirizzo IP in Wi-Fi, Opzioni dati cellulare o Impostazioni di rete e l’azienda ha pubblicato un documento di supporto che spiega meglio come funziona iCloud Private Relay, come abilitare iCloud Private Relay e cosa fare se un sito Web o una rete non funziona con la funzione.

Oggi Apple ha anche cambiato la versione beta di iOS 15.3 per chiarire cosa sta succedendo quando iCloud Private Relay non funziona per una rete cellulare. Invece di affermare semplicemente che un operatore partner non lo supporta, il messaggio ora esorta i clienti a controllare le impostazioni del cellulare se la funzione è disabilitata.