google-sospendera-dipendenti-non-vaccinati-licenziati-collaboranoGoogle ha puntato maggiormente sulla privacy e sulla sicurezza negli ultimi aggiornamenti per Android 12. La maggior parte delle funzionalità introdotte è nota a tutti, ma il “Private Compute Core” era inizialmente un mistero. Un commento recentemente portato alla luce da uno degli sviluppatori di lunga data di Google, Diane Hackborn, spiega meglio alcuni aspetti.

Il commento di Hackborn è stato pubblicato su un articolo di XDA questo autunno e recentemente notato dall’ex editore di XDA Mishaal Rahman. Hackborn, che ha lavorato su Android sin dall’inizio, ha chiarito che il Private Compute Core non è correlato all’esecuzione di dispositivi esterni di alcun tipo. Il nuovo strumento ha lo scopo di conservare i dati sensibili che aiutano a personalizzare l’esperienza utente sui dispositivi. Anche se, ha un numero limitato di autorizzazioni e non è in grado di interagire con la maggior parte delle altre parti del sistema. Ad esempio, non ottiene affatto l’accesso alla rete.

Google Private Compute Core: sviluppatore Android spiega in cosa consiste

Hackborn nota inoltre che queste funzionalità non sono necessariamente disponibili solo per i dispositivi Pixel. Il Private Compute Core segue l’Android Compatibility Definition Document (CDD) per l’acquisizione di contenuti e la ricerca di app. Dunque, non riguarda solo una categoria specifica. In particolare, con questa opzione gli sviluppatori dovrebbero fare attenzione a esporre i nostri dati solo a servizi specifici.

Dopo aver fatto di tutto per il rebranding di Private Compute Core durante la beta, sembra che Android 12 sia passato a chiamarlo “Android System Intelligence” nelle impostazioni di sistema. Non siamo sicuri fino a che punto questa funzione sarà disponibile, ma questo è tutto ciò che si sa al momento. In qualunque modo si chiami, puoi utilizzare questa funzione per disabilitare le opzioni di personalizzazione come le risposte intelligenti o semplicemente per eliminare i dati di personalizzazione inseriti in passato che potrebbero registrare i tuoi dati sensibili.