variante-delta-cosa-aspettarci-settimana-prossima-rt-incidenza-contagi-covid-19

Settimana prossima supereremo la soglia critica di Rt e incidenza settimanale dei contagi da Covid-19. Questo a causa della Variante Delta e della sua mutazione definita Delta Plus. A fare questa previsione è l’Istituto Superiore di Sanità leggendo gli ultimi dati e confrontandoli con quelli della settimana precedente. La pandemia non ha ancora finito il suo corso, ma soprattutto non ha ancora finito di far male. Scopriamo insieme i dettagli per prevenire una situazione che si prospetta davvero difficile.

 

Variante Delta: si prevedono giorni davvero difficili

Uno dei dati che sta spaventando la comunità medico-scientifica è il cosiddetto tasso di contagio Rt che tra il 6 e il 19 ottobre 2021 ha raggiunto una media di 0,96. Ovviamente il range dei casi positivi al Covid-19 è stato tra 0,83 e 1,16. Questo vuol dire che ci siamo avvicinati alla soglia pandemica e che, rispetto a quanto registrato una settimana prima – 0,86 Rt – è in forte ascesa. Quindi la Variante Delta e la sua mutazione Delta Plus stanno facendo il loro “sporco” lavoro.

A conferma di ciò è arrivato anche il report aggiornato dell’ISS, l’Istituto Superiore di Sanità, che sta allertando una situazione difficile prevista dalla settimana prossima a venire. Insomma, con la Variante Delta non c’è da scherzare. Ecco quanto dichiarato dall’ISS:

L’incidenza settimanale a livello nazionale è in rapido e generalizzato aumento rispetto alla settimana precedente, appena al di sotto della soglia di 50 casi settimanali per 100.000 abitanti. La trasmissibilità stimata sui casi sintomatici è in aumento e intorno alla soglia epidemica; la trasmissibilità stimata sui casi con ricovero ospedaliero è in aumento e sopra la soglia epidemica. Questo andamento va monitorato con estrema attenzione e, se confermato, potrebbe preludere a una recrudescenza epidemica“.

Un altro aspetto importante menzionato nel report settimanale dell’ISS riguarda le varianti. Vediamo cosa ha detto in merito l’ente di diritto pubblico, organo tecnico-scientifico del Servizio Sanitario Nazionale:

La Variante Delta rappresenta la quasi totalità dei casi in Italia. Questa variante è anche dominante nell’intera Unione Europea ed è associata a una maggiore trasmissibilità“.

Ricordiamo che la situazione in Austria per contagi Covid-19 sta preoccupando molto anche perché è in grave peggioramento. Addirittura hanno obbligato l’uso della mascherina FFp2.

FONTEIstituto Superiore di Sanità