Home News Covid: ecco come andrà a finire la pandemia secondo alcuni esperti

Covid: ecco come andrà a finire la pandemia secondo alcuni esperti

Stando a quanto studiato da alcuni scienziati tedeschi, il Covid potrebbe perdere potenza e diventare come un normale raffreddore

Covid: ecco come andrà a finire la pandemia secondo alcuni esperti

Secondo quanto dichiarato da una scienziata tedesca che prende il nome di Sarah Gilbert, La quale ha collaborato alla creazione del vaccino AstraZeneca, potrebbero esserci risvolti a sorpresa per quanto concerne proprio il Covid. Stando a quanto sostenuto dalla dottoressa infatti “Il Covid si indebolirà e finirà per causare solo un comune raffreddore”. 

Ovviamente tutti sperano in questa soluzione, la quale a molti sembra improbabile. Queste però sono ancora le parole dell’esperta: “Diventerà meno virulento man mano che circola nella popolazione. Non c’è motivo di pensare che avremo una versione più virulenta di Sars-CoV-2“. La discussione culmina con una frase che lascia altrettante buone speranze: “il Covid 19 diventerà molto probabilmente come tutti i coronavirus che circolano ampiamente e causano raffreddori

 

Sara Gilbert: il virus potrebbe perdere potenza e diventare un raffreddore

Stando alle parole della professoressa, esistono già quattro tipi diversi di coronavirus umani ai quali solitamente la popolazione mondiale non dà troppo peso e in questo caso il Covid potrebbe diventare uno di quelli. 

Viviamo già con quattro diversi coronavirus umani a cui non pensiamo mai molto e alla fine Sars-CoV-2 diventerà uno di quelli. È solo una questione di quanto tempo ci vorrà per arrivarci e quali misure dovremo prendere per gestirlo nel frattempo“.

Questo virus probabilmente non è un killer in quanto non uccide i bambini. Si sistemerà in un comune raffreddore», ha confermato David Matthews. Nonostante la dipendenza del mondo dai vaccini Covid per gestire la pandemia, incluso il vaccino di Oxford, Dame Sarah ha continuato a dire alla folla che sta lottando per ottenere finanziamenti per aiutare a «prevenire future pandemie“.