Covid: la terza dose sarà per tutti e il Green pass durerà 6 mesi

Sembra essere ormai è ufficiale il via libera per la terza dose del vaccino contro il Covid. Almeno per il momento Pfizer e Moderna sono le uniche due aziende ad aver ricevuto il benestare.

La raccomandazione arriva dopo che gli studi hanno dimostrato che una dose extra di questi vaccini ha aumentato la capacità di produrre anticorpi contro il virus che causa il Covid-19 nei pazienti sottoposti a trapianto di organi con sistema immunitario indebolito“.

Secondo Andrea Crisanti, direttore del Dipartimento di medicina molecolare dell’Università di Padova, la terza dose del vaccino “deve coinvolgere praticamente tutti. Deve essere una terza dose che ripercorre tutto quello che abbiamo fatto con la prima e la seconda. Altrimenti non avremo la copertura necessaria”.

 

Covid: la durata del Green pass sarà più breve, ecco i dettagli

Anche il green pass subirebbe un cambiamento: la durata verrebbe ridotta a 6 mesi. “Non è pensabile aspettare i 12 mesi della scadenza del Green pass. Il Green pass dal punto di vista della sanità pubblica così non ha senso. Se vogliamo renderlo uno strumento di sanità pubblica, il Green pass deve durare 6 mesi”. 

La situazione intanto risulta tranquilla in Italia:

In Italia la situazione covid è in questo momento positiva. Ci dobbiamo chiedere: perché siamo diversi dall’Inghilterra? Perché ci siamo vaccinati più tardi. Se probabilmente questa è la ragione più plausibile, allora è chiaro che andrà portato avanti un programma sistematico di vaccinazione che preveda anche la terza dose. Altrimenti arriveremmo a una situazione peggiore dell’Inghilterra nel giro di 4 mesi”.