Apple, Apple TV+, streaming, Disney+, Netflix, HBO Max

Il settore dello streaming sta diventando molto affollato e di conseguenza estremamente competitivo. Oltre ai grandi nomi come Netflix, Amazon Prime Video e Disney+ possiamo trovare anche tante altre aziende impegnate a crearsi il proprio spazio. Tra queste spiccano Apple TV+ e HBO Max attive principalmente negli USA ma che pian, piano stanno arrivando anche da noi.

In occasione della conferenza Apple che ha visto il lancio di iPhone 13, grazie ai dati elaborati da JustWatch possiamo riflettere anche sull’andamento del servizio di streaming di Cupertino.

L’azienda della mela offre Apple TV+ al prezzo di 4.99 dollari negli Stati Uniti che diventano esattamente 4.99 euro anche in Italia. Tuttavia, il brand ha deciso di modificare la propria politica scegliendo un approccio più deciso.

 

Apple TV+ paga alcune scelte importanti come rimuovere il periodo di prova gratuito

Fino a qualche mese fa era possibile provare il servizio di streaming in forma totalmente gratuita per un periodo limitato di tempo. Questa possibilità è stata rimossa a partire da giugno 2021. La scelta ha influenzato direttamente il market share di Apple TV+ e il servizio ha registrato un netto calo degli utenti attivi. Da giugno a settembre la piattaforma ha incassato una contrazione del 12% della quota di mercato a livello globale.

Nonostante questo calo, i numeri generali hanno fatto segnare “solo” un calo dello 0.6% del market share rispetto ai diretti competitor. Il calo di utenti coincide con la fine del periodi prova e soprattutto con l’aumento dell’utenza per altre piattaforme di streaming come HBO Max.

La piattaforma della WarnerMedia ha incassato un aumento del 2.7% nello stesso periodo. La maggior parte degli utenti provengono dall’America Latina in cui il servizio è stato recentemente lanciato.

Ne consegue che, per questi servizi di streaming in crescita, ogni minima variazione potrebbe portare ad un aumento o una perdita importante di utenti. Chissà come reagirà Apple a questa situazione e se deciderà di reintrodurre il periodo di prova gratuito.