bollo-auto-condono-fiscale-decreto-sostegni-scaduto

A volte le occasioni speciali sono irripetibili, o le cogli al volo o sono perse per sempre. Il Governo Draghi, grazie alla pace fiscale contenuta nel Decreto Sostegni Bis, ha regalato una grande opportunità a chi non aveva pagato il bollo auto dal 2000 al 2010. Cosa fare se avete perso il treno dell’addio a questa tassa così tanto odiata? Scopriamo insieme se esiste una soluzione per i ritardatari che hanno scoperto troppo tardi la possibilità di cancellare il bollo auto.

 

Bollo auto: cogliere al volo le opportunità

Sono mesi che su Tecnoandroid vi parliamo di bollo auto e del possibile addio a questa tassa. Infatti, già da diverso tempo fa, il Governo Draghi aveva dato il via a un maxi condono per diverse carte esattoriali che dovevano avere alcune caratteristiche.

In pratica riguardavano atti notificati tra il 1° gennaio 2000 e il 31 dicembre 2021. Inoltre l’importo massimo di queste cartelle esattoriali doveva essere inferiore o uguale a 5.000 euro. Infine, il richiedente compatibile al condono non poteva aver dichiarato più di 30.000 euro di reddito per l’anno fiscale 2019.

Tutti coloro che corrispondevano a queste 3 caratteristiche imprescindibili, potevano dire addio al bollo auto impagato per tutti quegli anni così come multe, Canone Rai e molto altro.

 

Cosa puoi fare se hai perso l’opportunità

Chi poteva accedere alla cancellazione del bollo auto e, più in generale, di queste cartelle esattoriali, doveva essere iscritto entro il 23 marzo 2021. Se nulla è stato fatto in merito, possono essere due le motivazioni:

  1. almeno una delle condizioni sopra menzionate non soddisfano le caratteristiche necessarie per accedere al condono;
  2. l’utente non aveva completato l’iscrizione e compilato i dati necessari affinché Agenzia delle Entrate comunicasse ad Agenzia delle Entrate Riscossione il suo codice fiscale.

Cosa puoi fare se hai perso l’opportunità? Nulla, purtroppo ormai il treno è passato. Tuttavia, potrebbe essere che l’Ente abbia combinato qualche errore aprendo così un’ulteriore possibilità per dire addio al bollo auto che in quei 10 anni non è stato pagato.

Sarebbe buona cosa contattare l’Agenzia delle Entrate e cercare di riparare al danno. Anche perché per settembre è prevista una bomba cartelle esattoriali che metterà in ginocchio molti contribuenti in debito con il Fisco.