Tesla, Model S, Model 3, Model X, Model Y, Cybertruck, SamsungTesla ha registrato un profitto di 1,1 miliardi di dollari nel secondo trimestre del 2021 nonostante la carenza globale di semiconduttori, in parte grazie ai suoi sforzi per lanciare un nuovo software per i veicoli elettrici.

La carenza globale di chip causata da un insieme di diversi fattori, tra cui la pandemia e la guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina, ha portato diverse aziende automobilistiche come Jaguar Land Rover a chiudere alcune sedi. Altre come Renault e Honda stanno portando avanti la produzione con dei ritardi. Al contrario, Tesla ha mantenuto alti livelli di produzione, producendo quasi 200.000 veicoli negli ultimi tre mesi.

“Nel secondo trimestre del 2021, abbiamo battuto nuovi e notevoli record. Abbiamo prodotto e consegnato oltre 200.000 veicoli, raggiunto un margine operativo dell’11,0% e superato 1 miliardo di dollari di reddito netto per la prima volta nella nostra storia”, osserva Tesla. L’azienda ha generato un fatturato di 11,9 miliardi di dollari con 1,1 miliardi di dollari di profitto.

Tesla: chip continuano a scarseggiare, ma l’azienda ha trovato una valida alternativa

I veicoli elettrici di Tesla utilizzano una vasta gamma di semiconduttori per alimentare i diversi componenti, comprese le cinture di sicurezza e gli airbag. La società ha dichiarato di aver incrementato la produzione optando per chip alternativi. Il suo team ha riprogrammati i chipset in poche settimane.

“I nostri team di ingegneri elettrici continuano a lavorare sodo per progettare, sviluppare e convalidare 19 nuove varianti in risposta alle continue carenze di semiconduttori”, spiega la società nel suo rapporto trimestrale. “Siamo stati in grado di sostituire chip alternativi e quindi di scrivere il firmware nel giro di poche settimane. Non è solo questione di sostituire un chip; devi anche riscrivere il software“.