Huawei, P50, P50 Pro, Kirin 9000, HarmonyOS,

Dopo tanta attesa finalmente Huawei sollevato il sipario sui nuovi P50 e P50 Pro. I due device sono i flagship del produttore e saranno i primi smartphone ad essere equipaggiati nativamente con HarmonyOS.

Dopo aver visto le specifiche tecniche di P50 nell’articolo dedicato, in questo ci concentreremo maggiormente sulle componenti tecniche della variante Pro. Huawei ha cercato di mantenere una continuità di design tra i due device ma ovviamente sono presenti alcune differenze.

Se Huawei P50 è caratterizzato da uno schermo piatto, sulla versione Pro troviamo un display più grande e curvo. Nello specifico, il pannello è un OLED da 6.6 pollici con risoluzione FullHD+ e refresh rate a 120Hz.

 

Huawei P50 Pro è il nuovo smartphone di riferimento del produttore

Per quanto riguarda il SoC, il produttore cinese ha deciso di ricorrere a due soluzioni differenti. Ci saranno device spinti dal Kirin 9000 e altri che potranno contare sul Qualcomm Snapdragon 888 sempre in versione 4G. Questa scelta è legata al ban imposto dagli Stati Uniti che impedisce alle aziende americane di condividere la tecnologia 5G con Huawei.

Il sistema potrà contare su 8 o 12GB di memoria RAM e 128/256/512GB di memoria interna espandibile con la Nano Memory Card. Per quanto riguarda il comparto fotografico posteriore, Huawei ha dotato il P50 Pro di quattro ottiche.

La principale è da 50MP a cui si affianca un teleobiettivo da 64MP, una lentre ultra-wide da 13MP e un sensore in bianco e nero da 40MP. La scelta di montare un’ottica in bianco e nero lascia tantissime possibilità di utilizzo e potenziali funzionalità nascoste.

La batteria scelta dal produttore è da 4.360 mAh con supporto alla ricarica rapida a 66W con il cavo e ben 50W in modalità wireless. Le colorazioni disponibili al lancio sono bianco, nero, oro, rosa e azzurro. Huawei ha indicato che un Cina il device sarà disponibile a partire dal 12 agosto ma non sappiamo quando arriverà in Europa.