IPTV: nuova retata in Italia, la Guardia di Finanza multa 200 utenti

I campionati ormai sono terminati ma a quanto pare il pubblico si starebbe organizzando già per la prossima stagione. L’arrivo del campionato italiano nella sua totalità sulle reti di DAZN, avrebbe fatto scattare già il primo campanello d’allarme. Gli utenti sono preoccupati che il costo del celebre abbonamento salga. Proprio per questo motivo in molti stanno prendendo informazioni sugli abbonamenti pirata, soprattutto quelli di tipo IPTV. Quello che però in tanti non sanno è che si può andare a finire in grossi guai con la legge. La Guardia di Finanza infatti ultimamente ha condotto delle operazioni su Milano che hanno portato a risultati eccezionali.

L’uso delle VPN ha contribuito alla crescita di questi servizi. Sfruttata in modo legale, una VPN è un servizio consigliatissimo e facile da usare essendo protetti in rete, e che se usato con i più noti servizi di streaming (Netflix, Amazon Prime Video) da accesso a cataloghi più vasti. NordVPN, la migliore VPN attuale, offre un ottimo servizio ed è in offerta con un prezzo scontatissimo.

 

IPTV: ora si rischia grosso se sottoscrive un abbonamento pirata

Quanto accaduto ultimamente testimonia che avere un abbonamento pirata non è per nulla sicuro. Sarebbero state infatti beccate delle piattaforme ma soprattutto gli utenti che vi erano iscritti.

Sono state infatti beccate due centrali di trasmissione illegali. Queste si trovavano in Svizzera e in Sicilia gestite da 22 italiani che ora pagheranno una multa da 2582 a 25.822 €. Anche i clienti che usufruiscono dell’abbonamento saranno multati con una sanzione da 1032 €. Siete ancora sicuri che ne valga la pena?