1-euro-grecia-truffa-non-vale-2000-euro

Il mondo della numismatica è molto particolare e occorre prestare sempre più che la massima attenzione. Chi l’avrebbe mai detto che una semplice moneta da 1 Euro potesse diventare famosa. Si tratta di quella della Grecia, ma il motivo è dubbio. Ecco tutti i dettagli di questo singolare caso che sta attenzionando collezionisti ed esperti da tutto il mondo.

 

1 Euro: quello della Grecia è in vendita a 2mila euro

Negli ultimi giorni una moneta particolarmente preziosa viene venduta a cifre che superano i 2.000 euro. A conferire valore, a quella che tutti reputano la rivelazione di 1 Euro dalla Grecia, è una furbata.

Infatti, sedicenti esperti starebbero vendendo alcune monete da 1 Euro della Grecia per una presunta particolarità che però non collima con la sua rarità. Si tratta di quelle coniate nel 2002 la cui particolarità starebbe in una “S” serigrafata a ore 6 in una delle stelle poste sul dritto della moneta.

Alcune di queste monete da 1 Euro sono state spacciate per preziose e rare. Furbetti sono riusciie a piazzarle anche a 2.500 euro l’una. Tuttavia in nessun sito attendibile di monete da collezione risulta che l’errore soprammenzionato conferisca cotanto valore a questa moneta. Si tratta quindi di una truffa bella e buona.

Inoltre, altro aspetto non indifferente riguarda anche la diffusione. Di queste monete da 1 Euro, facendo un giro in Grecia, se ne possono trovare a decine. Quindi la sua rarità non può essere messa in discussione perché non esiste nemmeno. Ne sono stati prodotti più di 60 milioni dalla zecca greca e altri 50 milioni da quella finlandese.

 

Alcuni consigli utili a chi si affaccia al mondo della numismatica

Il primo consiglio per non trovarsi a spendere cifre importanti per una moneta che non ne vale, come il caso di questo 1 Euro della Grecia, è quello di non lasciarsi prendere dall’emozione. Su e-Bay non sempre le monete definite rare, in vendita, sono anche certificate. Quindi è sempre bene informarsi attentamente prima di partecipare a un’asta.

Il secondo consiglio è quello di valutare tutte le monete nella loro rarità, conservazione e peculiarità. Si possono fare molti affari, ma spesso si tratta di monete da investire nel futuro.